Freitag, 31. Oktober 2008

I FIGLI CHE ORWELL NON AVREBBE VOLUTO .........


Nel 1948, un anno dopo il romanzo "la fattoria degli animali", esce il celebre romanzo di George Orwell, con il titolo !1984! (entrambi i libri, consiglio caldamente a tutti di leggerli).

Il romanzo tratta di un utopia negativa, dove esiste uno stato totalitario che vede e´ controlla tutti. Il grande fratello appunto!

Da questo libbro signficicativo nascono negli anni novanta, i cosidetti Reality-Show.
L'idea e´ piuttosto semplice: mettere un insieme di persone diversi in una casa, un luogo o una situazione. Dare a loro dei compiti, osservandoli sempre.
Tutto quanto trasmesso o in diretta, o in riassunti registrati e tagliati accuratamente con le scene che suscitano di piu´ il voyeurismo del pubblico.

All'interno di questi spettacoli ci sono giochi e gare per scegliere un leader del gruppo. O anche per far votare a loro stessi chi buttare fuori magari nella prossima puntata. Logicamente questo con lo scopo di vedere come reagiscono i partecipanti del gioco, sperando in piccole sensazioni come litigi e cavolate del genere. Anche puntando su chi fa´ sesso prossimamente, e con chi, seguendo con camere a infrarosse, le persone del gioco, anche di notte. Tutto cio´ naturalmete per attirare la gente a guardarli, puntando su suscitare curiosita´in loro.
Il primo di questi tipi di trasmissioni e´ stato BIG BROTHER (il grande fratello), titolo tratto appunto dal contenuto del libro di Orwell.
Poi da li´ ne seguirono molti altri. In Italia ad esempio, l'isola dei famosi, la talpa...eccetera....
Questi tipi di trasmissioni anti-culturale oggi vengono fatte in tutto il mondo. Sempre con gli stessi metodi, abbinati alle nazioni dove vengono prodotte.

Senza dubbio questo tipo di televisione contribuisce molto alla cosidetta TV-Spazzatura, e viene realizzata naturlamente solo per fare un audience maggiore.

Da queste Reality-Show, nascono personaggi che regolarmente vengono invitati in altri Show. Ecco, mentre una volta per andare in TV, dovevano essere bravi. Saper Cantare, recitare, e cosi via. Oggi prima vanno in TV grazie ai Reality-Show, da li´ poi magari imparano qualcosa. Sempre se imparano!

Tutto questo rappresenta proprio il genere di televisione che io detesto.

Sarei veramente molto curioso di vedere come reagirebbe George Orwell, sapendo che il suo libbro molto significativo, e´ stato usato per questo tipo di spazzatura che ci propone oggi la TV.
Penso proprio che si rivolterebbe nella sua tomba!








.

COMUNITA´



da Wikipedia:
Una comunità è un insieme di individui che condividono lo stesso ambiente fisico e tecnologico, formando un gruppo riconoscibile, unito da vincoli organizzativi, linguistici, religiosi, economici e da interessi comuni.



Comunità in ecologia

Un primo significato di comunità si trova nel contesto dell'ecologia e indica l'insieme degli organismi che condividono uno stesso ecosistema geograficamente limitato (e interagiscono all'interno di tale sistema).
Per approfondire, vedi la voce Biocenosi.

Comunità in senso sociologico e antropologico [modifica]

Con riferimento agli umani una comunità può indicare nel linguaggio comune una struttura organizzativa sociale, tipo un quartiere, un paese o una regione, comunque di estensione geografica limitata, in cui gli abitanti abbiano delle caratteristiche comuni.

In un senso più propriamente sociologico per l'appartenenza ad una comunità servono caratteristiche più forti, tali da creare un'identità degli appartenenti, tramite una storia comune, ideali condivisi, tradizioni e/o costumi. A volte è la lingua l'elemento più fortemente identificativo degli appartenenti ad una comunità. In questa accezione la parola comunità appare legata alle associazioni con qualche ideologia comune e può essere vista come un'estensione della famiglia. Una dimensione di vita comunitaria implica tipicamente la condivisione di un sistema di significati, come norme di comportamento, valori, religione, una storia comune, la produzione di artefatti.

Lo studio delle comunità dal punto di vista sociologico risale a Ferdinand Tönnies (1855-1936) ed al suo libro Comunità e società del 1887.

Per alcuni esiste anche una comunità più ampia, la comunità umana, sostanzialmente coincidente con l'umanità, perché tutti gli umani hanno dei valori ed obiettivi condivisi (o almeno dei diritti comuni).

Un approccio più psicologico tende ad osservare le differenze tra come un individuo si rapporta alla comunità di appartenenza ed alla società. Nel primo caso l'individuo gode di una rete di protezione che gli consente di evitare traumi, ma anche limita un suo pieno sviluppo. (Qui ritorna il concetto della comunità come famiglia allargata, con i suoi pregi e difetti). Nel rapporto con la società il singolo è più esposto al mondo, ma allo stesso tempo è più libero di sviluppare le sue potenzialità. Se nella società si fa riferimento principalmente ai fini dell'individuo, nella comunità prevalgono gli obiettivi condivisi e la solidarietà.

In tempi recenti si è visto che non è necessario il contatto fisico o la vicinanza geografica per creare un'identità comunitaria, se ci sono comunicazioni efficienti e comuni obiettivi. Si sono, ad esempio, create delle comunità virtuali tramite internet. C'è però da osservare che le suddette comunità virtuali sono frutto di scelte ben precise degli utenti, i quali possono quindi, volendo, entrare e uscirne a loro piacimento, e andare altresì a far parte di altre comunità senza particolari problemi e in tempi ristretti, perdendo cosi parte del concetto stesso di comunitàe facendo in modo che le regole applicabili allo studio delle comunità "materiali" (Comunità locale su tutte) non siano universalmente applicabili alle nuove comunità virtuali.

GODS OF GUITAR


I Dei della chitarra elettrica! Adoro questo genere, Blues e Rock, da sempre!


Eric Clapton - Double Trouble



John Lee Hooker & Bonnie Raitt - I'm in the mood


B. B. King - The Thrill is gone


Gary More - Still Got The Blues



Steve Vai - For The Love Of God


Himi Hendrix - Voodoo Child


Dire Straits - money for nothing


Pink Floyd - Shine on your crazy diamond




.

Donnerstag, 30. Oktober 2008

DAL BLOG AMORAMOR: Amor y la amistad


Trovo estremamente prezioso questo post di Yuya!
Una riflessione su amici, e veri amici!!!! Brava Yuya!

Voglio riproporlo qui, e invitare a visitare il suo Blog!


Cualquiera puede estar a tu lado cuando tienes razón, pero una amiga verdadera permanece a tu lado AUN cuando estas equivocada.
Una simple amiga se identifica cuando te llama.Una amiga verdadera no precisa hacerlo, pues conocen sus voces.
Una simple amiga inicia una conversación con un boletón de novedades sobre su propia vida. Una verdadera amiga dice: "Que hay de nuevo sobre ti?"
Una simple amiga cree que los problemas por los cuales te estas quejando son recientes. Una amiga verdadero dice: "Te estas quejando sobre lo mismo desde hace muchos años. Sal de esa reiteracion y haz algo al respecto."
Una simple amiga nunca te vio llorar. Una verdadera amiga tiene sus hombros completamente mojados por tus lágrimas.
Una simple amiga no sabe el nombre de tus padres. Una verdadera amiga tiene el Teléfono de ellos en su agenda.
Una simple amiga trae una botella de vino a tu fiesta. Una verdadera amiga llega mas temprano para ayudarte a cocinar y se queda hasta mas tarde para ayudarte en la limpieza.
Una simple amiga odia cuando tu llamas cuando ella ya esta en la cama. Una amiga verdadera te pregunta por que demoraste tanto en llamar.
Una simple amiga busca conversar contigo sobre tus problemas. Una amiga verdadera busca ayudarte a resolverlos.
Una simple amiga, cuando te visita, actua como uninvitado. Una verdadera amiga abre tu heladera y se sirve.
Una simple amiga cree que la amistad termina cuando ustedes tienen una discusión. Una verdadera amiga sabe que no existe una amistad mientras ustedes no tengan una divergencia.
Una simple amiga espera que siempre estes cerca cuando el te precise. Una verdadera amiga espera estar siempre cerca cuando tu la necesites.


"Un verdadero amigo es alguien capaz de tocar tu corazón desde el otro lado del mundo".






.

MADE IN GERMANY................

.






MADE IN......, tutti conosciamo questa scritta!
sotto un paio di scarpe, in diversi prodotti, elettrodomestici, attrezzi, abbigliamenti...eccetera....

Ma la storia di questa "garanzia", che ci indica dove e´ stato fatto un prodotto, dove ha le sue origini?

Il MADE IN GERMANY e´ un marchio di qualita´ che indica prodotti che derivano dalla Germania!
Gia´ prima della prima guerra mondiale, questa indicazione fu applicata su molti prodotti, insieme al marchio del produttore. Esempio: su posate, attrezzature militare come coltelli, e su medaglie.

Fine del diciannovesimo secolo si inizia in Ingliterra a proteggersi dalle imitazioni. Questa procedura veniva applicata solo su prodotti di origine tedesca (legge del 23 agosto 1887, ingl. MERCHANDISE MARKS ACT 1887)

Durante la prima guerra mondiale il marchio dell'origine fu poi anche applicato per l'Austria e per l'Ungaria. Era la condizione per queste nazione di poter esportare i loro prodotti in Inglitterra.
In questo modo gli inglesi pensavano di proteggere i loro stessi prodotti, e poter cosi riconoscere meglio i prodotti dei nemici di guerra, e la popolazione in questo modo anche boicottarli.

Dopo la guerra il marchio venne mantenuto.
Dato che pero´ la qualitá dei prodotti tedeschi era molto buona, molte volte anche superiore dei prodotti inglesi, da un marchio´ di controllo divenne un marchio´ di alta qualita´.

Quando ci fu´ la separazione della Germania (muro di Berlino), questo marchio venne chiamato "MADE IN WEST GERMANY", per potersi distinguere.
Questa e´ la storia!

In seguito questo marchio ci indicava anche in altri paesi la loro qualita´. Dipendentemente dal prodotto.
Esempio: Scarpe che portavano il MADE IN ITALY, garantivano di derivare da un paese che e´ specializzato in scarpe, cioe´ l'Italia.
Orologi MADE IN SWITZERLAND e cosi via.........


Oggi purtroppo non possiamo essere piu´ sicuri che il marchio MADE IN GERMANY, MADE IN ITALY, MADE IN SPAIN..... indichi anche dove sia stato prodotto cio´ che compriamo.
Per motivi di risparmio nella produzione, spesso i prodotti vengono fatte in paesi piu´ poveri.
Sotto risparmio si intende da parte di vista del produttore. Il consumatore paga sempre lo stesso prezzo, paga il marchio sia´ del produttore che la "derivanza"!
Il cosi detto risparmio di produzione con la quale si giustificano i produttori, in realta e´ un incremento enorme per loro. Non si tratta quindi di risparmio, ma solo di aumentare l'incremento del loro fatturato per il triplo, o anche di piu´.

Provate a comprare ad esempio un paio di Jeans di un noto produttore spagnolo. Li pagagherete anche 150 Euro, ma guardando all'interno scoprirete che sono state prodotte ad esempio in Tunisia. Anche se sul Label leggerete London, Spain o Italy. ;-)







.

IN THE AIR TONIGHT......................

.







Credo che questa canzone non abbia bisogno di essere presentata..............
Cruda e´ triste come la vita, non tramonterá mai!




I can feel it coming in the air tonight, Oh Lord
I've been waiting for this moment, all my life, Oh Lord
Can you feel it coming in the air tonight, Oh Lord, Oh Lord

Well, if you told me you were drowning
I would not lend a hand
I've seen your face before my friend
But I don't know if you know who I am
Well, I was there and I saw what you did
I saw it with my own two eyes
So you can wipe off the grin, I know where you've been
It's all been a pack of lies

And I can feel it coming in the air tonight, Oh Lord
I've been waiting for this moment for all my life, Oh Lord
I can feel it in the air tonight, Oh Lord, Oh Lord
And I've been waiting for this moment all my life, Oh Lord, Oh Lord

Well I remember, I remember don't worry
How could I ever forget, it's the first time, the last time we ever met
But I know the reason why you keep your silence up, no you don't fool me
The hurt doesn't show; but the pain still grows
It's no stranger to you or me

And I can feel it coming in the air tonight, Oh Lord...






.

Dienstag, 28. Oktober 2008

BANDIERA BIANCA

Eh si, si vedono anche guerre in questo mondo dei Blogs. Chi non accetta opinioni, chi incolpa altri, chi smerda il prossimo (scusate la parola:) Gruppi di Blog da un lato, altri Gruppi di Blog dall'altro lato. Poi ci stanno quelli che sotto il mantello anonimo fanno la loro guerra contro tutte e due magari.

Boh, la pizza non era pronta, e gia´ ci si bisticciava per la fetta piu´ grande :)

A me leggendo queste guerre virtuali, boh, viene in mente la famosissima canzone di Franco Battiato - BANDIERA BIANCA! Vecchia canzone, ma il contenuto e´ sempre attuale!!!!! Io osservo le telenovelle dei Blogs, e mi sento questa bella canzone! :)




Copio il testo come al solito, spero che faccia riflettere un poco ;)
Franco Battiato - Bandiera Bianca (album: la voce del padrone - 1981)

Mister TAMBURINO
non ho voglia di scherzare
rimettiamoci la maglia i tempi
stanno per cambiare
siamo figli delle stelle
pronipoti di sua maesta' il denaro
per fortuna il mio razzismo
non mi fa guardare
quei programmi demenziali
con tribune elettorali
e avete voglia di mettervi
profumi e deodoranti
siete come sabbie mobili
tirate giu' uh uh uh
c'e' chi si mette
degli occhiali da sole
per avere piu' carisma e
sintomatico mistero
uh come e' difficile restare padre
quando i figli crescono
e le mamme imbiancano
quante squallide figure
che attraversano il paese
com'e' misera la vita
negli abusi di potere,
sul ponte sventola bandiera bianca
sul ponte sventola bandiera bianca.
sul ponte sventola bandiera bianca
sul ponte sventola bandiera bianca
a beethoven e sinatra
preferisco l'insalata
a vivaldi l'uva passa
che mi da piu' calorie
come e' difficile restare
calmi indifferenti
mentre tutti intorno
fanno rumore
in quest'epoca di pazzi
ci mancavano gli idioti dell'onore
ho sentito degli spari in
una via del centro
quante stupide galline
che si azzuffano per niente
minima immoralia
minima immoralia
e sommersi soprattutto
da immondizie musicali.
sul ponte sventola bandiera bianca
sul ponte sventola bandiera bianca
sul ponte sventola bandiera bianca
sul ponte sventola bandiera bianca
sul ponte sventola bandiera bianca








.

Montag, 27. Oktober 2008

MI RILASSO CON LORO, I DOORS E CON UN PAIO DI BUONI TEQUILA .... :)


Basta postare per oggi, al massimo commento e chatto, tra un film o un Documentario che mi guardo sul mio schermo HD 24 pollici Samsung :)
Chiuso sto Notebook, e tornato nel mio appartamento dove sono piu´ fornito, e stare in santa pace.

Musica dei Doors, Tequila, sale e limone gia sul tavolo. E spengo una parte del cervello (vediamo quale parte sará :)

Condivido qualche brano qui di uno dei miei gruppi preferiti in assoluto! Jimmy Morrison, lupo solitario, avanti nel tuo tempo......prometto che la prossima volta che vengo a Parigi, visitero´ la tua tomba. Dopo 15 anni, si, credo che devo proprio. Piu volte stato a Parigi durante questi anni, ma da 15 non al Pere Lachaise dove riposi......













Curiosita´ prima che termino questo post! Nel film sulla vita di Morrison, parlo del film "THE DOORS", il regista Oliver Stone ha voluto Billy Idol nel ruolo di Cat! ;)

MISTERI ITALIANI: AZZURRINA (update video)

.











.
Guendalina, nota con il suo soprannome Azzurrina. Era la figla di Ugo Linuccio, il signore di Montebello.

La leggenda narra che Guendalina era albina. Ma la superstizione di quei tempi, collegava le ragazze albine vicino al demonio. Streghe insomma.
Era per questo che il padre la faceva sempre scortare da due guardie, per proteggerla dalle superstizioni popolari di quei tempi.

La madre le tingeva i capelle con pigmenti di natura vegetale, che pero´ ebbero l'effetto di rendere i capelli di Guendalina viola. Capelli viola, occhi azzurri, da li il suo soprannome di Azzurrina.

Il 21 giugno del 1375, un giorno di festa, la piccola giocava nel castello di Montebello con una palla fatta di pezze.
Veniva guardata da due guardie di nomi Domenico e Ruggeiro.
Secondo il racconto delle guardie, la bimba insegui la palla nei sotteraniei del castello. Dopo che loro sentirono il suo urlo, corsero per vedere cosa stesse succendo, ma non trovarono traccia. Ne di Azzurrina, ne della palla.

Quello che successe realmente non si sa´ . Chi dice che fu´ il padre a farla uccidere, chi dice che furono le guardie a ucciderla. Si presume anche, che Azzurrina inseguendo quella palla, cadde´giu´ e mori´. E che le guardie per paura dell'ira del padre, fecero scomparire il suo corpo. Ci sono anche racconti che il padre uccise le due guardie perche li incolpava per la morte della figlia.



Oggi il castello di Montebello viene visitato da turisti, medium e parapsicologi, che sostengono di sentire ogni 5 anni un lamento di una bimba.

Sinceramente riguardo la storia del fantasma di Azzurrina, credo che sia solo per motivo di attrare turisti.

Il vero mistero pero´ e´, che il corpo della piccola Guendalina, chiamata Azzurrina, non venne mai piu´ trovato!






:
:

PARLO DI LEI..........(UPDATE)

......parlo di AGUAYA :)



Io il mio Blog non ce l'ho da molto! Quando ho scoperto il suo link su PAIXAO ANIMAL, sono andato a curiosare nel suo Blog.
Confesso che prima l'ho studiato, e mi e´ piaciuto un mondo! Il suo modo di descrivere, con passione e con cura. "liebevoll und mit Leidenschaft", come si dice in Germania.

Da lí in poi l'ho sempre seguita.

Aguaya gia´ l'ho presentata una volta qui in questo mio modesto Blog. Credo che non necessita piu´ una presentazione! Oggi Aguaya fa´ un il suo primo anniversario col suo Blog: DESERRAIGOS PROVOCADOS

Tramite, o meglio, grazie al suo Blog, poi ho trovato altri Blog interessanti come LA ISLA GRANDE, UN POCO DE MEXICO, UN POCO DE MI, , CUBADICE, VERONICA e molti altri (mi perdonino se non li cito, ma sono molti, e li trovate nella Bloglist di Aguaya) che seguo.
Diliviru, autrice del Blog messicano, si e´ sentita motivata ad aprire il suo Blog grazie al Blog di Aguaya. A me ha ispirato in diversi Articoli, scambiandomi tramite commenti opinioni con lei.

Quello che a me personalmente affascina di lei, ha un modo di scrivere semplice, naturale e molto modesto. Nonostante e´ una donna con un enorme intelletto, lei e´ semplice e´ sempre gentile, sia nel suo modo di fare Post, come anche nel rispondere ai diversi commenti.
C'e´da dire che nonostante e´ una mamma di due bellissimi bimbi, con tutto il suo lavoro, e doveri domestici, trova il tempo a dividere le sue esperienze tramite il suo Blog con le persone che la seguono. In piu´ lei da poco si e´ impegnata a lanciare un progetto/blog che mira sul futuro della prossima generazione di Blogger. Altri progetti seguiranno..... ;-)

Io nel suo Blog scrivo solo in tedesco, so di rendere la vita difficile a farmi capire chi legge i miei commenti li, ma a me mi viene naturale cosi con lei, visto che lei abita a Berlino.


Di nuovo Auguri Dagmar, che tu faccia acora tanti anniversari con il tuo Blog. BLEIB WIE DU BIST :)








.

COME UN IDEOLOGIA SI TRASFORMA IN UN REGIME......


Il mio amico Rob Ferranti ha publicato un articolo nel suo notissimo Blog: LA ISLA GRANDE, che fa riflettere molto!

Copio qui il testo:


Riflessioni su Cuba: se solo Fidel leggesse quello che diceva nel '59...

di Al Godar
Frammenti di un discorso di Fidel Castro a Camaguey, il 4 Gennaio 1959.

Non ci facciamo nulla con l’essere liberi e morire di fame. La libertà non è tutto. La libertà è la prima parte, la libertà di cominciare ad avere il diritto di lottare.
Io sono certo che i cubani non sono soddisfatti semplicemente di essere liberi nella loro patria.
Sono certo che i cubani vogliono godere ulteriormente della loro patria. Sono sicuro che anche voi volete infatti partecipare alla divisione del pane e delle ricchezze che si producono nella vostra patria.

Come possiamo dire: "questa è la nostra patria," se dalla patria non abbiamo nulla? "La mia patria!”, però la mia patria non mi dà nulla, la mia patria non mi sostiene, nella la mia patria io muoio di fame. Questa non è patria! Sarà patria per alcuni, ma non sarà la patria del popolo.

Patria non significa solo un luogo dove si può gridare, parlare e camminare senza essere uccisi; patria è un luogo dove si può vivere, la patria è un luogo dove si può lavorare e guadagnarsi da vivere onestamente e inoltre guadagnare quello che è giusto che si guadagni con il proprio lavoro.
Patria è il luogo in cui il cittadino non è sfruttato, perché se si sfrutta il cittadino, se gli si toglie ciò che gli appartiene, se gli rubano quello che possiede, questa non è patria.
Precisamente la tragedia del nostro popolo è stata quella di non avere una patria.
E prova migliore, la migliore prova che non abbiamo una patria è che decine di migliaia di figli di questa terra se ne vanno da Cuba, verso altri paesi, per vivere, ma non hanno patria.
E non se ne vanno tutti quelli che vorrebbero andarsene, ma solo quei pochi che possono.
Questa è la verità e voi lo sapete.

E' per questi ideali che tanto ho amato la rivoluzione cubana, per questi ideali è diventata la base del mio pensiero guida nei miei anni '70.
A scuola, durante la ribellione ideologica che noi, ragazzi degli anni '60, abbiamo abbracciato con enorme entuisasmo, ingenuità ed energia, e che oggi sembra preistorica!

Quella stessa ideologia che anche oggi si potrebbe applicare al moderno popolo cubano, le stesse esigenze, necessità, le stesse priorità che Fidel annunciava come i problemi da risolvere sono gli stessi di oggi...

Se oggi lo stesso Fidel leggesse queste sue stesse parole, e la facesse sue, e lavorasse per compiere quello di cui parlava... sarei il primo a scendere in piazza per gridare VIVA FIDEL!
Rob

Pubblicato da Roberto Ferranti






Ecco, da un ideologia di voler cambiare e migliorare una situazione, questa ideologia divenne il Regime che tutti conosciamo.

Trovo interessante l'ultima affermazione di Roberto, e sono daccordo con le sue parole. Ma la speranza che questo possa avvenire, che Fidel dopo tutti questi anni ne facesse uso delle sue parole lanciate molti anni fa, significherebbe ammettere errori, ammettere di aver privato le persone della loro liberta´, ammettere che ha privato al paese di crescere e far parte del mondo libero.
Questa soddisfazione il regime non la dara´ mai al suo popolo. Rimane nelle mani dei giovani continuare a lottare, e far si che abbiano la liberta della quale sono stati privati tutti questi anni!









.

Samstag, 25. Oktober 2008

SPECCHIO DELLE MIE BRAME

.










.
Si sa´ oramai che l'Internet, da molte possibilita´ per esprimere se stesso.
A rischio di essere ripetitivo, gia come detto alcune volte, ha sostituito il vecchio caro diario per alcuni.

Con una differenza notevole:
Mentre prima si ritagliavano foto, poesie e cosi via, e mentre prima un diario era strettamente personale (di solito usato da ragazzine, e meno da ragazzini), oggi ci si esprime nei propri Blog.
Ma a differenza del ormai superato diario, il Blog e´ alla luce del giorno.
O almeno dovrebbe esserlo.

Il diario era una cosa segreta, dove dentro ci si confidavano pensieri e esperienze personali. Sfoghi, che si tenevano strettamente chiusi li dentro.
Infatti molti diari erano chiusi per sino a chiave.
E la ragazzina di solito, se scopriva che qualcuno l'aveva letto di nascosto, per lei era una disperazione con reazioni fortissimi. Appunto perche´ si era scoperta la sua anima, i suoi sentimenti, le sue paure, le sue speranze.
Insomma, era una libbro aperto per altri dal momento che il diario non era piu´ un suo segreto.

Con i Blog, come sopra detto, e´ diverso.
Non ci si scrive proprio tutto dentro. Appunto perche altri lo leggono.
Quindi vengono da molti utenti gonfiati, abbelliti e resi interessanti.
Per cio´, a differenza del ormai nostalgico diario, il blog non rispecchia piu´ la stessa anima. Per questo, e´, si, una nuova forma di diario, ma per questi motivi a volte anche fortemente falsificato.

Anche perche´ il diario una volta non veniva usato, appunto per il suo segreto personale, per mettersi in mostra davanti agli altri.
Il Blog invece purtroppo molte volte si.

Quindi, mentre il diario rispecchiava tutto se stesso con tutta la sua nudita´ ,se visto come specchio, il Blog tenta come nella favola di Biancaneve a riflettere un imagine come quella che usava la regina - strega davanti allo specchio magico: "Specchio delle mie brame, chi e´ il piu´ interessante blogger del reame?" :-)

Bene, sinceramente c'e´ da dire che in un Blog non bisogna sicuramente aprire la sua anima, distesi come su una poltrona di un psicologo da film americani! senza dubbio e´ cosi!
Pero´ ci si dovrebbe aspettare una certa sincerita´ nei Blog.

Appunto per questo, rende molto, ma molto difficile, selezzionare i Blog sinceri da poter seguire in santa pace.

Anche, appunto per questo motivo, perche´ vengono letti da altri, non ci si puo´ logicamente esprimere come ci si vorrebbe a volte.
Chiaro, in una dinamica di gruppo si sa´ che un opinione diversa puo´ risultare molto fatale. Molto di piu´ che nella vita reale. Il gruppetto puo´ accettare o escludere. Basterebbe gia´ l'opinione o antipatia da un membro che gode di simpatia nel gruppo, e si e´subito fuori :)
Mentre invece nella vita reale le persone sono costrette a guardarti negli occhi quando esprimi una tua opinione diversa, e quindi devono andarci con molta cautela a giudicarti. Nei Blog invece questo e´ molto piu´ facile! Per il semplice motivo perche si e´ seduti dietro ad uno schermo o monitor protetto.

Ci sono partecipanti o utenti di Blog di tutte le categorie:
Ci sono quelli che commentano solo quando veramente necessario, ma leggeno tutto. Ci sono quelli che commentano regolarmente.
E ci sono quelli che commentano a continuazione, il che non e´ negativo, finche il loro commento si basa su cose fondate.
Ci si accorge pero´ facilmente quando commentano solo come per dire:
"ehi, mi vedete? ci sono io!!!!"
L'ultimo fenomeno avviene spesso in gruppetti di Blog. Dove la simpatia per un Blogger prevale piu´ del contenuto. Il che e´ una realta´ nei blog. ABBIAMO SEMPRE LA DINAMICA DI GRUPPO!
Quindi in questa maniera avviene che durante una serie di commenti interessanti di un Post, spuntano questi personaggi. Quasi come una publicita´ di una TV-privata :) Dove uno si dice per se stesso: "oh no, proprio quando diventa interessante, arriva la solita autopublicita´"!!!!

Selezionare quindi i Blog interessanti, nel senso che contengano un vero scambio di idee´, diventa un impresa veramente difficile molte volte.
Quello che pero´ secondo la mia opinione non e´difficile, e´ analizzarli. Scovare anche Post vecchi che stanno in esso.
Ci si accorge facilmente in questo modo, se Post riportati nel suo insieme dal Blogger, sono da considerare o meno.

E´ chiaro che tutto questo dipende molto da simpatie, immagini e preferenze personali. Sia tramite belle foto, racconti, favole, ammirazioni e complimenti spesso per ricavare simpatie e crearsi un imagine, e cosi via, riportate in quel Blog.

Pero´ una cosa e´ certa! Lo specchio reale, anche se immaginario, che si trovava una volta in un diario, oggi quello specchio e´ diventato un specchio da favola in diversi Blog!















.

Freitag, 24. Oktober 2008

PINK - STUPID GIRLS :) (Update - official video)

Una delle canzoni e video che mi ha fatto ridere, ma che e´ azzecatissimo sull'argomento. La canzone e video di Pink. Io lei la chiamo l'ANTI BRITNEY SPEARS :)

Lei critica tutte quelle ragazze o donne, che vogliono imitare le dive americane, sia di musica, film o del mondo dei VIP. O che amano abbronzarsi sotto il sole fatto di complimenti. Metto il video del testo della canzone. Su Youtube troverete il Video ufficiale :)

Video con testo:


Il video ufficiale in una buona qualita´:




.

Donnerstag, 23. Oktober 2008

FATHER & SON



Una delle piu´ belle canzoni di Cat Stevens. Tratta di una conversazione tra un padre e un figlio.

CAT STEVENS - FATHER & SON (1970)


Testo della canzone
Father:
It's not time to make a change
Just relax, take it easy
You're still young, that's your fault
There's so much you have to know
Find a girl, settle down
If you want, you can marry
Look at me, I am old
But I'm happy

I was once like you are now
And I know that it's not easy
To be calm when you've found
Something going on
But take your time, think a lot
I think of everything you've got
For you will still be here tomorrow
But your dreams may not

Son:
How can I try to explain
When I do he turns away again
And it's always been the same
Same old story
From the moment I could talk
I was ordered to listen
Now there's a way and I know
That I have to go away
I know I have to go

Father:
It's not time to make a change
Just sit down and take it slowly
You're still young that's your fault
There's so much you have to go through
Find a girl, settle down
If you want, you can marry
Look at me, I am old
But I'm happy

Son:
All the times that I've cried
Keeping all the things I knew inside
And it's hard, but it's harder
To ignore it
If they were right I'd agree
But it's them they know, not me
Now there's a way and I know
That i have to go away
I know I have to go




.

SALLY

Vasco Rossi - SALLY (Live unplugged 2006)



Sally cammina per la strada senza nemmeno....
....guardare per terra
Sally è una donna che non ha più voglia
....di fare la guerra
Sally ha patito troppo
Sally ha già visto che cosa....
"ti può crollare addosso"!
Sally è già stata "punita"...
per ogni sua distrazione o debolezza...
per ogni "candida carezza"...
"data" per non sentire....l'amarezza!
senti che fuori piove
senti che bel rumore...
Sally cammina per la strada sicura
senza pensare a niente!
....ormai guarda la gente
con aria indifferente...
....sono lontani quei "momenti"...
quando "uno sguardo" provocava "turbamenti"..
quando la vita era più facile...
e si potevano mangiare anche le fragole....
perché la vita è un brivido che vola via
è tutt'un equilibrio sopra la follia....
..........sopra follia!
senti che fuori piove
senti che bel rumore...

Ma forse Sally è proprio questo il senso...il senso...
del tuo "vagare"...
forse davvero ci si deve sentire....
alla fine....un Po' male!....
Forse alla fine di questa "triste storia"
qualcuno troverà il coraggio
per affrontare "i sensi di colpa"...
e CANCELLARLI da questo "viaggio"....
per vivere davvero ogni momento.....
con ogni suo "turbamento"!....
e come se fosse l'ultimo!

Sally cammina per la strada..."leggera"...
ormai è sera...
"si accendono le luci dei lampioni"...
"tutta la gente corre a casa davanti alle televisioni"..
ed un pensiero le passa per la testa
"forse la vita non è stata tutta persa"...
forse qualcosa "s'è salvato"!!...
forse davvero!...non è stato "poi tutto sbagliato"!
"forse era giusto così!?!"....
........eheheheh!.........
forse ma forse ma si....
cosa vuoi che ti dica io
senti che bel rumore






.

Mittwoch, 22. Oktober 2008

CHE BELLA GENTE..................

.
Sara´ scomoda questa canzone, ma rende l'idea! Alla faccia di tutti quei falsi moralisti, profeti, salvatori della patria, esibizionisti, e falsi intellettuali!
Appena ti giri, ti pugnalano! Appena sbagli mossa, ti giudicano, facendosi aiutare dai loro scagnozzi.
Si lo so´, scomoda questa canzone, e naturalmente non ci si vorra´ riconoscere nessuno, come sempre!

Simone Christicchi - che bella gente


Ilala ilalà ilalà...
Cie bella gente capisce tutto
Sa il motivo ma non il trucco
Scruta dietro persiane vecchie ormai
Ti fa sempre gran domande
Poi ti intaglia come un diamante
Aspetta che tu crolli per poter dire agli altri
«L'avevo detto io»
Bisognerebbe stare tutti zitti
Non dare retta neanche ai tuoi fratelli
Parlare piano piano a bassa voce
Vedi Gesù che l'hanno messo in croce
Embè Embè
Vuoi o non vuoi devi fare così
Io sulla croce ci andrei
Ma per chi, per chi
Ilalà ilala ilala ilala...
Che bella gente capisce tutto
Sa il motivo ma non il trucco
Ha pistole con proiettili di malignità
Bisognerebbe caricarle a salve
E far di gomma tutti quei pugnali
Che se ti giri per un solo istante
Te li ritrovi conficcati alle spalle
Embè Embè
Vuoi o non vuoi devi fare così
io pugnalato sarei
Ma da chi, da chi
Aspetterò
Che mi darete addosso
Aspetterò
Fermo qui al mio posto canterò...
Per esempio certe volte preferisco i matti
Perché dicono quello che pensano e non accettano ricatti e compromessi
Non si confondono con gli altri
Nel bene, nel male rimangono se stessi
Tu non accontentarti di restare in superficie
Ma scava nel profondo oltre la radice e le apparenze
Amami per quel che sono veramente
E resterò con te per sempre
Ilalà ilala ilala ilala... Che bella gente





.

QUANTA.........?

.






Io mi chiedo, un uomo in questa vita.....,

Quanto peso puo´ sopportare?
Quanti intrigi deve subire?
Quante delusioni puo sopravvivere?
Quanta forza deve dare?
Quanta forza deve avere per dare?
Quante ingiustizie deve combattere?
Quanti intrigi deve sopportare?
Quanta falsitá e´bugie puo´ ancora sentire, e leggere?
Quanta speranza puo´ ancora avere in un futuro?

Io in alcuni momenti me lo chiedo.
Anche adesso me lo chiedo.....






.

Donnerstag, 16. Oktober 2008

TRAINING - metodi semplici ma efficaci!



Oramai mi alleno da anni. Sono istruttore da molti anni in arti marziali, e in tutto questo tempo ho svilluppato sistemi personalizzati di allenamento.

Odio tutte queste publicita´ che promettono alla gente di accumulare muscoli e forme ala Schwarzenegger in pochi mesi o settimane, e addirittura senza sudare. Publicizzandoli come sistemi nuovi direttamente dall'America (come se l'America rapresentasse la scienza in assoluta), per venderle al primo che ci crede. Che poi non e´ nemmeno difficile trovare clienti, visto che molte persone preferiscono credere nella via facile, e non difficile. :)

L'arte marziale che pratico io, non si basa a degli incontri su ring, ma esclusivamente su autodifesa personale.
Sviluppando in questi anni un mio sistema personale per mantenere il corpo in forma e´ stabile, ho potuto osservare che non esistono precise regole su come allenarsi. Cio´ che per uno possa essere dannoso per la salute, non lo e´ magari per un altro.
Ho istruito poliziotti, donne, e bambini. Posso garantire per mia esperienza che le donne sono predestinate per questo. Se allenate bene, possono dare calci molto piu´ violenti di qualsiasi uomo. Questo deriva dalla diversita´ anatomica del loro bacino :)

Non credo quindi assolutamente in consigli di cosidetti specialisti. Come non credo nemmeno che bisogna andare in una palestra di Bodybuilding, per tenersi in forma.

Una volta una persona mi disse: "Salva, perche non ti iscrivi in una palestra di BB, si conoscono parecchie persone, e si socializza facilmente".

Ma cavolo, sono io strano? o gli altri? O mi alleno, o socializzo!!!!
Se mi alleno, ho bisogno di concentrazione, non mi serve una palestra dove tra un esercizio e l'altro, si chiacchiera al bar prendendo una bevanda Energy con chissa´ quale schifezze chimiche dentro, per aumentare muscoli.
E non mi va certo di pompare muscoli in macchinari che sembrano oggetti da torture moderni, per ammirarmi davani ad uno specchio, o andare in spiaggia per mostrare bicipiti e addominali.
Se voglio socializzare vado in una festa o in una discoteca.

Il mio modo di allenarmi e mantenermi in forma, e´ quello che faccio con la forza del mio corpo, e non con diversi pesi! Non guardo il tempo, ne seguo numeri!
Preferisco piuttosto fare lavoro al sacco, flessioni, esercizi per addominali (come sulla foto qua sotto), correre un paio di chilometri, alpinismo quando capita, e nuotare in una piscina.





A volte i miei allievi mi chiedono come faccia a non stancarmi con questi tempi, quando li faccio partecipare al "mio metodo" di allenamento. Ma la risposta e´ anche semplice e banale!! Dico sempre a loro: "Avete mai osservato un Bebé? Osservatelo bene come respira. Di suo istinto ogni neonato respira con la pancia, e non con i pettorali. Nella pancia si puo accumulare piu´ aria e non ci si stanca in questo modo cosi facilmente ;-) Quando poi loro applicano, ci riescono pure loro. Si tratta solo della giusta tecnica di respirazione.

E´ una tecnica istintiva di respirazione che abbiamo sin dalla nascita, che molti cambiano, non appena diventano adoloscenti. Magari in piscina, dove e´ piu´ figo respirare con i pettorali, anzi di mostrare la pancia che si gonfia respirando. lol.

Certo, e´ solo una battuta, ma rende perfettamente l'idea!


qui sotto un video di luglio, realizzato da mio figlio. Si tratta di un soft-control di braccia e riflessi. Fa parte della base per mantenere l'equilibrio anche subendo pressione. Seguito poi da pugni sul sacco.













.

Yuya

.







Yuya e´ una donna, mamma, moglie, e maestra di danza cubana.
Il suo blog e´ ancora abbastanza nuovo, che porta il semplice nome amoramor.
Cosi come e´ semplice ma profondo il titolo, cosi scrive anche Yuya nel suo blog. In modo molto diretto, chiaro, con tutta la sensibilita´ di una donna che ha vissuto e che conosce diverse realta´, e che ci dimostra con una sensibilita´ naturale di saper distinguere tra le priorita´ della vita.
Yuya e´ la mogie di Rob Ferranti, autore del blog senza maschera (come lo chiamo io) LA ISLA GRANDE, tramite il quale ovviamente l'ho conosciuta, e subito apprezzata con molta stima, per il suo modo sincero e diretto.

Il suo ultimo post voglio riportarlo qui in questo mio blog, perche´ tratta di un vecchio, ma sempre attuale problema nel mondo. La fame e la miseria! Noi che ci crediamo di stare male, dobbiamo sempre ricordarci chi non ha niente in questa vita ingiusta!



Dal blog: amoramor
Amor y reflexiòn
En CUBA, hay necesidades, pero, nadie muere de hambre!









.

BLOGS IN PLAIN ENGLISH

.












.

Mittwoch, 15. Oktober 2008

DIETA = TORTURA?!?!

.








Dieta:
una parola che da´ speranze, ma fa´ anche paura! Una parola per molte imprese di fare soldi con le speranze delle persone. Una parola che serve a vendere farmaci dimagranti, abbonamenti, o che viene sfruttata da venditore americani per vendere nelle loro publicita´ televisivi prodotti per gli addominali, facendo credere alle persone che facendo 5 minuti di esercizi al giorno, si trasformano in poche settimane in corpi scultorei tipo un Brad Pitt o Jessica Alba!
Anche stimulatori elettrice che nella publicita´ mostrano su sederi di donne bellissime, fanno sperare in questo. Ancora non ho visto una versione da applicare alla batteria del automobile, ma verra´ anche questa. Scommettiamo? ;-)

Ecco, a me la parola Dieta sinceramente non piace molto. La attribuisco alla parola Fame.
E vi garantisco che non bisogna sentire fame per dimagrire.


Inanzitutto dobbiamo chederci:
- Perche´ mangiamo?
- perche beviamo?


Risposta:
per sopravvivere, no?

Ok, la prossima domanda allora e´ questa:
- Il nostro corpo ha davvero bisogno di tutto questo cibo che prendiamo?


Immaginiamo che il nostro stomaco e´ un bacile.
Prendete un bacile, e buttate dentro tutta la roba che mangiate in un giorno. Caffe´, latte´, pasta, sugo, carne, cola cola, limonata, gelato, dolce, zuckero, vino, e cosi via.......

Visto che schifo? quanta roba in uno stomaco umano????

Ecco, adesso imaginiamoci che quella massa alimentare, deve essere elaborata dallo stomaco per digerire il tutto.
Lo stomaco quindi deve lavorare parecchio, no?
La nostra energia deriva da li, ma siccome occupata per il troppo cibo, ci sentiamo appesantiti e stanchi.

Questo lavoro che il nostro stomaco fa, lo chiamiamo "digerire"!

Ecco, succede quindi che il corpo si prende le sostanze che gli servono realmente, il resto lo stomaco digerisce.
Ma siccome la massa e´ talmente tanta da non poter uscire tutta, rimane nel corpo e si trasforma in grassi.

Per evitare questo, bisogna riptersi quindi esattamente la domanda di prima! Abbiamo davvero bisogno di tutto questo cibo? Non e´ forse un alibi perche siamo golosi?

L'alminetazione sana:
questo e´ il vero segreto da seguire! Non diete o altro.
Certo, una dieta puo´ far dimagrire! ma interrompendola si ottiene solo un effetto JOJO.
Giorni interi che ci sforziamo a fare dieta, possono essere inutili in un solo giorno che ci abbuffiamo di cibo.
Quindi, non e´ la via corretta da seguire quella della dieta.
Non elenco adesso i vari tipi di dieta, perche dal mio punto di vista, li trovo inutili al cento per cento.

Quello che io chiamo l'anti-dieta, e´ l'alimentazione sana!!
Che ognuno devo scoprire per se´ stesso!!!!

Riporto un esempio come mi alimento io


Colazione:
Inizio la mia colazione sempre con un caffe´ lungo, un cornetto che condisco con marmellata fatta in casa, o con miele. Oppure anzi del cornetto, qualche biscotto che inzuppo nel caffe´. A volte invece una fetta di pane integrale con un po´ di formaggio o prosciutto magro. Nel caffe´ non metto mai zucchero, ma preferisco dolcificarlo.
A volte prendo un buon bicchiere di aranciata, spremuta fresca, preferibilmente da arancie rosse!



Pranzo: La pasta la mangio due volte la settimana, al massimo tre. Preferisco mangiare carne di vitello, petto di pollo o pesce. Con delle patate a forno, mai fritte. Verdure di diverse tipi, e insalata. Accompagno il tutto con massimo due fette di pane. Come bevanda bevo sempre un buon bicchiere di vino. A volte anche qualche bicchiere di Cola (per gli zuccheri). Dolce dopo il pranzo non ne uso, preferisco della frutta. Seguita da un buon caffe´ corto e un bicchiere di acqua liscia.


Per cena:
al massimo un insalata mista, o della frutta. Mai pane la sera, e non ceno mai dopo le ore 19:00

Se dopo mi viene ancora fame, mangi0 qualche mela, o un po di noccioline. E bevo acqua. Pane mai!!!!



La mia opinione:
Per me questo modo di mangiare, e´ piu´ che abbastanza per il mio corpo!
A volte esagero pure io, certo. Ma non e´ grave, perche sento poi il bisogno di mangiare di nuovo leggero, dato che sono abituato cosi.

In questo modo non vedo fame, do al corpo abbastanza nutrizione con tutte le vitamine che necessita, e mantengo una buona linea.


Tutto il resto che sento da amici che non possano dimagrire perche piace a loro la cioccolata, i dolci, la coca cola consumata a litri interi, per me sono solo scuse per mancanza di disciplina.

Sono daccordo che ogni tanto qualche dolce ci vuole, una pizza senza dubbio, e sbaffarsi non e´ un peccato.
Ma se diventa una cosa giornaliera, allora equivale solo ad una mancanza di autocontrollo!







.

Dienstag, 14. Oktober 2008

GIOCA CON ME

Il nuovo video di Vasco Rossi.

Devo dire che la ragazza del video, ha veramente un bel....paio di jeans ;-)

Gioca con me - Vasco Rossi












.

LA ISLA GRANDE CI DIMOSTRA LA REALTÁ: PROSTITUZIONE INFANTILE A CUBA (UPDATE) - IL DOCUMENTARIO!

Rob Ferranti, autore impegnatissimo che ci tiene sempre aggiornati in tempo reale, su cio´ che accade a Cuba, tramite il suo BLOG LA ISLA GRANDE!

Roberto ha editato il video, dato che sembra che ci siano stati problemi tra Telecinco e Christian Liffers, che reclamava scene usate sue, sul video di telecinco!
Nonostante l'edit di Roberto, il messaggio del video non sminuisce queste situazioni vergognose!




Tratto dal Blog di Roberto:
Cuba clandestina: prostituzione infantile a Cuba, ecco il documentario di Telecinco rimosso da You Tube

Pubblico il documentario, già uploadato su You Tube da Telecinco, e poi rimosso (perchè sembra che la produzione che ha realizzato il documentario, abbia utilizzato immagini da un'altro documentario...) sulla prostituzione infantile a Cuba.

Io ho tagliato, spero, tutte le immagini incriminate... forse ne ho dimenticata qualcuna... se l'autore, dell'altro documentario, che ha sollevato il problema, avesse qualcosa da recriminare... me lo segnali, provvederò a tagliarle da questa edizione. Comunque sia...

FREE BLOGGERS! SE QUALCUNO LO PUBBLICA, IO LO DIFFONDO...




Pubblicato da Roberto Ferranti



.








.

DON'T SPEAK











.

Montag, 13. Oktober 2008

ANNELIESE MICHEL.....LA VERA STORIA




Anneliese Michel

Questa e´ la vera storia di Anneliese Michel.
Una storia che diede uno shock alla Germania, e fece tremare la citta´ del Vaticano in quei anni.
Questa storia la sento sin da ragazzino. Mi ha sempre interessata e incuriosito.
E adesso voglio riportarla nel mio Blog:
Per farlo mi aiuto con dati tratti da Wikipedia e diversi siti internet che parlano di Anneliese. In piu´ ricordi delle croniche e file.


L'accaduto:
Anneliese Michel nacque nel settembre del 1952, e morí nel 1 Luglio del 1976 a Klingenberg am Main. Lei era una cattolica tedescha, che mori´ a causa di forte denutrizione. La sua morte fece grande scalpore, perche nei mesi prima della sua morte, due preti cattolici, svolsero piu volte il rito del grande Esorcismo su di lei.
Dopo questa tremenda storia, la chiesa cambio i vecchi riti dell'esorcismo.

La famiglia:
Anneliese Michel proveniva da una famiglia molto cattolica, e altrettanto da un posto molto devoto alla Chiesa. Il paesino Klingenberg am Main, noto per la produzione di vino.

Il padre Josef Michel, fallegname di costruzioni, doveva diventare prete. Cosi il desiderio della madre di Josef. Le tre sorelle di Josef erano suore.
La madre di Anneliese, Anna Michel, conobbe Josef e lo sposo´ nel 1950. Lei aveva gia partorito pero´ una figlia di nome Martha nel 1948, la quale mori a causa di un tumore renale.
Dato che pero´ si trattava di una bambina, non nata durante il matrimonio, non le fu concesso di riposare nella tomba di famiglia dei Michels, ma vicino al muro del cimitero, in un luogo a parte.

La famiglia si costrui una casetta a Klingenberg, che si trova all'est del cimitero, sotto le serre delle vigne, le quali vennero gestite da Josef Michel, modernizzate, e oggi ancora gestite dalla quinta generazione.

L'infanzia e´ vita di Anneliese:
Annaliese nacque il 21 settembre del 1952. Dopo di lei nacquero le sue tre sorelle nel 1954, 1956 e 1957.
Nel 1959 Annaliese frequento la scuola popolare di Klingenberg. Nel sesto anno cambio al Ginnasio di Aschaffenburg, dove i suoi insegnanti la reputavan di un intelligenza superiore, ma nello stesso tempo notavano che era anche una persona con problemi di nervosismo.
Infatti nel 1968, durante un attacco, si morse la propria lingua. Di seguito le fu´ diagnostizata un epilepsia del tipo Grand Mal, per la quale ottenne medicamenti per tenere gli attacchi sotto controllo.

Annaliese frequentava piu´ volte la settimana la messa, diceva regolarmente il rosario, e per autocastigarsi dormiva a volte per terra.
Lei faceva parte di un centro sportivo e ottneva regolarlmente lezioni di pianoforte.

Dopo un operazione alle donzille e una forte bronchite, si ammalo di tubercolose. Per questo motivo dovette rimanere durante l'anno 1970, per sei mesi in un ospedale specializzato di Mittelbert nel Allgäu.

Dato che Annaliese era di una bravura superiore agli altri a scuola, aveva il desiderio di diventare un insegnante.
Infatti dopo la maturita´, inizio´ subito a studiare nella scuola superiore di Würzburg. Dove abitava in un colleggio cattolico. Durante un ballo conobbe il suo futuro fidanzato Peter Himsel.



I fatti:
Durante le visite di diversi medici, venne diagnostizata una Epilepsia temporanea e curata con Antikonvulsivum Carbamazepin.
Una visita psichiatrica dettagliata pero´ sembra non sia mai stata fatta.
Per questo e´ incerto, se Annliese soffriva anche di una malattia mentale (ad esempio, un disturbo neurologico come stati di trance o convinzione di posessivita).
Ella mori nel 1976 di debolezza a causa di disnutrimento, pesando solo 31 Kg.
L'autopsia confermava una grave polmonite. Ma questo non conferma il fatto che non soffrisse di epilepsia.
Negli ultimi mesi della sua vita, con il permesso del vescovo Josef Stangl, Padre Arnold Renz e Padre Ernst Alt, fu applicato su Anneliese il grande Esorcismo (l'antica forma di esorcismo).
Gia´ da anni si notava che Anneliese si nutriva poco, ma dopo questo si rifiutava di prendere alcun cibo in se.
Dopo la sua morte, Padre Alt prese lui stesso contatto con il magistrato di Aschaffenburg.
Secondo diverse testimonianze, Anneliese feriva se stessa regolarmente. Talmente tanto che furono costretti a legarla al letto durante le ultime settimane, per proteggerla da se stessa.
Si parla di denti rotti, lividi sotto gli occhi e strani segni, stigmate strane.
Ma si suppone che anche questi se li abbia fatti da se stessa durante le sue reazioni incontrollabili. Tutto questo e´ documentato su diverse foto.
Amici suoi studenti, confermano inoltre, che Annaliese gia nei tempi di studi faceva parte di un gruppo che regolarmente pregava il rosario. Quando il suo stato di salute peggioro´, questo gruppo anzi di chiamare un medico, chiamarono un esorchista che si sarebbe spacciato per medico. In questo modo venne rifiutato un aiuto medico ad Annaliese.

Dai nastri registrati si udische che annaliese parlava durante i suoi attacchi con voce trasformata, gridando spesso. Usava parolacce volgari, che confermanvano ai preti, secondo il loro modo di vedere, che si trattasse di una posseduta da demoni o un entita´ diabolica.
Anche secondo le testimonianze dei preti esorcisti, avrebbero udito da Anneliese i nomi di demoni "moderni" come Nerone o addirittura Hitler.

Durante la sentenza del processo-del-esorcismo (Exorzismus-Prozess) come venne chiamato in Germania, il 19 aprile del 1978, la magistratura chiese la condanna sotto l'accusa di assassinio, per i preti. I genitori di Anneliese rimasero incensurati, dato che dovevano sopportare il dolore per la perdita dell'amata figlia.
Invece il Giudice non segui la richiesta dei magistrati, ma condanno´ anche i genitori come anche padre Renz e padre Alt a sei mesi di carcere, che venne eseguito pero´ come pena condizionale.
La motivazione del giudice: Annaliese aveva bisogno di cure mediche, e non di esorcisti!

nel 25 Febbraio del 1978, fu fatta un esumazione del cadavere a richiesta dei genitori. Come motivazione i genitori dissero che per motivi di poco tempo, Anneliese venne messa in una bara da poveri, e che adesso volevano metterla in una bara degna di lei.
La motivazione vera pero era tutta un altra!!
Una suora aveva affermato che le sarebbe apparso il fantasma di Anneliese, e le avrebbe detto che il suo corpo sarebbe ancora intatto intatto, nonostante fosse gia´ sepolta tutto questo tempo.
E questa sarebbe stata la prova che lei era veramente una posseduta dal diavolo.
Invece, il risultato fu´ che il corpo era depurato come doveva esserlo per quel periodo che fu sepolto.
Pero´ nessuno dei condannati la vidi, e a padre Renz non fu concesso di vederla per valutare le parole della suora alla quale sarebbe apparso Anneliese Michel.

Fino ad oggi si parla ancora di questa terribile storia. Ci sono molti altri dettagli, che adesso non riporto per motivi di spazio.

Legende su Anneliese:
Si dice che il corpo era intatto, e che fu vietato parlarne.
Si dice che fosse stata davvero posseduta dal demonio.
Si dice anche che avesse piu di un demonio in se.
Si dice anche che nella sua bara si vide la traccia di una mano demoniaca.


Fatto sta´ che, questa storia ispiro molti registi a realizzare film, e scrittori a scrivere romanzi.
Chi volesse vedere le foto di Anneliese, o sentire i file audio originali, lo faccia su Youtube. Io non li mettero´ qui perche contengono immagini impressionanti per molti.

Io sinceramente non credo molto in queste cose! Secondo me si trattava di malattia, e non di demoni.
Ma sarebbe anche molto arogante escluderle queste possibilita´.
Per il semplice motivo che esistono troppe cose in questo mondo, che non conosciamo ancora!



Il trailer del film "EXORCISM OF EMILY ROSE", ispirato alla storia di Anneliese.








.

Sonntag, 12. Oktober 2008

LA VOCE DEGLI ANGELI

Un altro video preso da Youtube: LA VOCE DEGLI ANGELI

Bambini raccontano di se´, del loro presente, del loro futuro, delle loro speranze.

Questi angeli ci insegnano molto....

A me questo video fa venire la pelle d'oca!


LA VOCE DEGLI ANGELI









.

Samstag, 11. Oktober 2008

L'AMORE VISTO ATTRAVERSO GLI OCCHI DEI BAMBINI :)

Questo video trovato su Youtube, riporta l'amore, visto dagli occhi dei bambini.
A volte queste splendide piccole creature vedono molto di piu´, di quanto vediamo noi adulti, che siamo troppo distratti dalla vita quotidiana con tutte le sue difficolta´.
E si puo´ imparare molto da loro, perche hanno quella capacita´ di osservazione che noi adulti abbiamo forse perso!

Qui il video "Cos'e´ per te l'amore" buona visione :)









.

Donnerstag, 9. Oktober 2008

BLOGS - TRA IMPEGNO, ESIBIZIONISMO E FORTI CONTRADDIZIONI!!!!




E´ da un po´ di tempo che mi dedico ai diversi Blog, e da pochi mesi che ne ho uno mio.

In tutto questo tempo ho avuto molto da vedere, leggere e riflettere.

Esistono diversi Blog su tematiche possibili. Politica, musica, film, cultura (o meglio, chi crede che sia cultura), attualita´, poesie.....eccetera eccetera....

Ma esistono veramente pochissimi Blog che suscitano davvero interesse. Che si occupano veramente di tematiche profonde per svegliare i lettori.
Inutile qui elencarli, dato che si tratta di gusti personali.

Leggendo i Blog uno si chiede molte volte: "ma perche´ alcune cose che succedono nel mondo li trovi solo nei Blog, ma mai sui Telegiornali?".
Scrissi gia´ una volta che purtroppo la politica manipola i massmedia.
Cercando di sminuire Notizie dirigendo le persone spesso in direzioni false.

Ma riflettendoci anche molto bene, e qui si deve essere sinceri, e´ anche colpa di molti Blog che e´ cosi!

Infatti, alcuni, anche se trattano di situazioni politiche, non suscitano molta credibilita´. Non abbastanza da poter creare un vero interesse in modo che la stampa ne parli.
Purtroppo molti Blog si mimitizzano sotto il mantello di giornalismo virtuale, per mostrarsi al mondo. Per ricevere commenti, complimenti ed essere al centro dell'attenzione.

Per colpa di quest'ultimi, il duro lavoro fatto da autori di Blog come quello di Roberto Ferranti ed altri Blog seri, (solo per fare qualche valido esempio) che seguo con passione, che si impegnano seriamente per sensibilizzare le persone, viene distrutto in un attimo, come una casa fatta con carte da giocho.

Insomma, alla fine i Blog quindi rispecchiano la vita reale.
Cosi come funzione la´ fuori, cosi avviene anche nel mondo virtuale dei Blog.

Un esempio:
troviamo ad esempio un appello in un Blog per aiutare la gente in qualsiasi paese che si trova in crise!
Si nota benissimo che subito il Post che tratta di questo, viene riempito dai cosidetti "Buonisti" che gridano tramite i loro commenti:"SCANDALO!!!!!! CHE TRISTEZZA!!!!! DOBBIAMO CAMBIARE IL MONDO!!!!!" ...... e cosi via.
Ma purtroppo finisce gia´ li l'impegno di voler aiutare o cambiare. Purtroppo!!
Nonostante in un post del genere ci sia magari un link per fare delle offerte di beneficenza, nessuno ne prende atto, ma lascia quel Blog con la coscienza a posto dicendo per se stesso: "ah come sono bravo, ho dato il mio commento cosi tutti vedono che ho senso di giustizia".
Embeh? cosa cambia quindi facendo solo belle parole? E´ gia´ tutto?
Non si tratta quindi facendo cosi, solo di buonismo e doppia morale?

Come si fa´ quindi a prendere in casi come questi i Blog per una cosa seria?


Poi abbiamo anche i Blog personali, che qui e la´, mettono un post magari di impegno (almeno per apparenza o per motivi ipocrisia e falsa reputazione), e per il resto storie personali gonfiandoli magari un po´ con delle belle foto.
Per crearsi una specie di Fan-Comunity all'interno del loro Blog, e farsi ammirare da questa, che sbava dietro per leggere nuovi Post e che commenta ringraziando o facendo complimenti anche per una pernacchia di saggezza virtuale, copiata da qualche sito internet e incollato li.

Analizzando quindi i Blog, si nota che si creano alla fine cosidetti gruppetti chiusi di persone.
Una sorta di dinamica di gruppo, esattamente come avviene nella vita reale fuori dal mondo dell'internet.
Tutti tirano la stessa corda nella stessa direzione.
Nessuno osa cambiare direzione, anche se e´ quella giusta.
Per la semplice paura di venir escluso da questo gruppetto.
Come a volte infatti accade.

Una mia amica bloguera, che io stimo moltissimo, infatti ha osato dire una sua opinione alcuni giorni fa´.
Risultato di questa sua ribellione: ha avuto quasi tutti gli altri contro di sé!!!!
La discussione e´ stata molto dura e lunga. Piu´ di 50 commenti!!
Maggior parte facevano comunella contro di lei.
Nonostante lei difendeva soltanto la sua opinione, il gruppetto continuava a lanciare frecciatine contro di lei.
La cosa ridicola in tutto questo era, che si trattava di lottare per una democrazia in un paese oppresso da un regime, ma non si accettava nello stesso tempo in quel Blog la sua opinione.
Sinceramente un netto contrasto alla tematica della voglia di democrazia, in quel Blog riportato!!!!!!!

Ecco, chi legge da fuori cose del genere, anche solo per informarsi su qualcosa, come puo´ suscitare negli occhi del lettore tutto questo, credibilita? leggendo che persone che hanno la stessa meta, si aggrediscono tra di loro!!!!!!!!

Ma pensandoci bene, come gia ho scritto, alla fine i Blog sono lo specchio di cio´ che esiste fuori dall'internet. Con tutta la sua bellezza e´ falsita´.

Quindi, continuiamo a immergerci in questa massa di Blog, per cercare un pezzo di oro tra la rugine virtuale che ci circonda.





.

Mittwoch, 8. Oktober 2008

IL REGIME CUBANO TIENE IN OSTAGGIO YOANI

dal BLOG die Roberto Ferranti:

mercoledì 8 ottobre 2008
Vivere a Cuba, Yoani: il regime cubano tiene in ostaggio Yoani Sanchez


di Gordiano Lupi
Yoani Sanchez è una scrittrice e blogger cubana. Attraverso il suo sito internet costituisce una voce importante per denunciare le storture e le deviazioni del regime dell'isola caraibica, una voce coraggiosa che vuole combattere per il proprio paese rimanendo all'interno. I

l 18 ottobre era stato previsto il suo intervento a Piombino presso il Centro Giovani di Via della Resistenza (ore 21) per parlare di Una storia per il futuro. Dissidenza o sistema nell'ambito del cartellone Ottobre piovono libri ... a Piombino iniziativa organizzata dalla Pro Loco di Piombino, dalla Libreria editrice "La Bancarella" e dalla Rivista "Il libro volante" con il patrocinio del Comune di Piombino, della Regione Toscana, dell'ANCI e del Ministero per i Beni e le Attività Culturali. Yoani era stata fatta arrivare in Italia dallo scrittore ed editore Gordiano Lupi, suo traduttore in italiano. "Speravo davvero - afferma Lupi - di poter portare Yoani in Italia questo ottobre, prima a Pisa per il Festival del Libro l'11, 12 e 13 e poi il 18 a Piombino, assieme ad altri autori delle Edizioni Il Foglio. Il diniego del governo cubano è formalmente temporaneo ma è evidente la volontà del regime di reprimere qualunque forma di dissenso e di voler imprimere una immagine di se stesso all'estero che non corrisponde minimamente al vero".
"E' un grande dispiacere - chiosa Andrea Panerini, Direttore artistico della manifestazione - Yoani ci doveva aiutare a capire la reale situazione di Cuba e testimoniare il crepuscolo di un regime dispotico. Questo sequestro di persona, perché tale secondo la mia opinione si deve considerare, ci segnala l'esigenza di una più ampia riflessione sulla democrazia e sui diritti umani nel mondo e ci deve sollecitare le soluzioni da adottare. Ad ogni modo non si può fare retorica sui diritti umani e poi fare affari coi regimi che li reprimono."

Non resta che invitare i lettori a visitare il suo blog http://desdecuba.com/generaciony_it/ e ad ascoltare la lettura dei suoi scritti che Gordiano Lupi farà in sua vece il 18 ottobre. Il sito ufficiale della manifestazione è www.prolocopiombino.it/piovonolibri.





.

Dienstag, 7. Oktober 2008

Sonntag, 5. Oktober 2008

MIA LIBERTÀ




libertà risali a ieri ma ricordo a malapena
ch'eri tutti i miei pensieri il mio pranzo e la mia cena
libertà mia sola amica quando avevo tutto e niente
e credevo che la gente fosse tutta amica mia
pomeriggio al cine oriente e la notte da Maria
mia libertà mi sento proprio un traditore
che brutto guaio che è l'amore mia libertà
libertà da una signora che ha passato la trentina
da un amore che si impara dentro i baci perugina
libertà dalle ragazze che mi sono corse dietro
una pizza dal "sor Pietro" una corsa a Porta Pia
libertà tra noi c'è un vetro e la colpa è solo mia
mia libertà le prime corna per amore
io te le ho messe a malincuore mia libertà
libertà dalle cambiali dai saponi delle attrici
dagli annunci sui giornali pieni di massaggiatrici
libertà dal libro Cuore dai discorsi preparati
dai romanzi sceneggiati che si vedono in tivù
libertà dei giorni andati io non ti ritrovo più
mia libertà chissà se è stato un grosso errore
buttarmi a pesce nell'amore mia libertà
da quella volta che scappai da casa mia
mia libertà mia libertà
quella ragazza che non ho fermato mai
mia libertà mia libertà
la prima sigaretta in bocca ... i primi guai
na na na na na na na









.

Samstag, 4. Oktober 2008

EVERYBODY HURTS....sometimes




When the day is long and the night, the night is yours alone,
When you're sure you've had enough of this life, well hang on
Don't let yourself go, everybody cries and everybody hurts sometimes

Sometimes everything is wrong. Now it's time to sing along
When your day is night alone, (hold on, hold on)
If you feel like letting go, (hold on)
When you think you've had too much of this life, well hang on

'Cause everybody hurts. Take comfort in your friends
Everybody hurts. Don't throw your hand. Oh, no. Don't throw your hand
If you feel like you're alone, no, no, no, you are not alone

If you're on your own in this life, the days and nights are long,
When you think you've had too much of this life to hang on

Well, everybody hurts sometimes,
Everybody cries. And everybody hurts sometimes
And everybody hurts sometimes. So, hold on, hold on
Hold on, hold on, hold on, hold on, hold on, hold on
Everybody hurts. You are not alone



traduzione italiana
TUTTI SOFFRONO
Quando il giorno e lungo e la notte,la notte e solo tua,
Quando sei sicuro che ne hai avuto abbastanza di questa vita,resisti
Non lasciarti andare,tutti piangono e tutti soffrono a volte
A volte tutto è sbagliato.ora è tempo di cantare insieme
Quando il tuo giorno è notte,solo(resisti,resisti)
Se ti senti come se stessi andando via(resisti,resisti)
quando pensi di averne avuto abbastanza di questa vita,resisti
Tutti soffrono.trova consolazione nei tuoi amici
Tutti soffrono.non rovesciare la tua mano.oh no.non rovesciare la tua mano
Se senti di essere solo,no,no,no,non sei solo
Se sei solo in questa vita,I giorni e le notti sono lunghe.
Quando pensi di averne avuto abbastanza di questa vita da resistere
Beh,tutti soffrono a volte.

Tutti piangono.e tutti soffrono a volte.
E tutti soffrono a volte.allora,resisti,resisti
Resisti.resisti.resisti.resisti.resisti
(tutti soffrono,non sei solo)






.

Freitag, 3. Oktober 2008

I VERI AMICI SI VEDONO NEI MOMENTI DIFFICILI!!!!!





Sto´ per lasciare L'Italia.
Sono venuto qui a Torino all'inizio di quest'anno.
Adesso tornato da due settimane circa, non avendo trovato un nuovo lavoro soddisfacente, decisi di tornare in Germania per riorganizzarmi di nuovo.

Come diceva mio padre: "bisogna sempre lottare nella vita. Piu´ ti abbattono, piu´ ti devi rialzerai. Questo vuol dire essere coraggiosi".
Bene, ho sempre seguito questa filosofia in apparenza forse un poco banale, ma utile per la sopravvivenza.
Non arrendersi mai per nessuna ragione. Compromessi si, ma mai arrendersi. Non solo sperare, ma dimostrare!

Purtroppo per diversi ragioni, imprevisti e parole da altri non mantenute, ebbi seri problemi a riportare con me le cose che accumulai, necessari per la mia permanenza in Italia. Divani, scrivania, sedie eccetera. Non parlando del mio guardaroba.
Ovviamente tutta roba che non voglio lasciare perche´ mi e´ costata molti soldi.

Ieri ebbi una telefonata con il mio Sifu (Sifu e´ un termine tradizionale cinese per descrivere il maestro).
Egli mi chiese se stavo bene, e li gli spiegai il mio problema.
Nonostante lui aveva promesso di stare questi giorni con la sua famiglia, visto che si trova tutto l'anno in giro per il mondo, mi disse:
"Salva, ma il problema quale e´?, vengo domani a Torino e te la porto io via la roba a casa tua a Colonia".
E´ cosi fu´! Lo vidi arrivare oggi con un suo allievo! Dopo un breve pranzo e un giro per il centro storico di Torino, ci misimo al lavoro mettendo tutta la roba in un ora nel suo Van.
Lui fece apposta 1100 chilometri per risolvermi il problema!!!! Da un giorno all'altro!!!!

Ecco, io sono stato sempre dell'opinione che un vero amico si vede nel momento del bisogno.

Noi ci conosciamo da anni! Egli fu´, ed e´ sempre il mio maestro di arti marziali. Ci siamo aiutati sempre durante questi anni. Quando lui aveva bisogno di pitturare la sua palestra, io mi prendevo libero per farlo, anche a tarda notte. Quando ebbi la lavatrice rotta, egli me ne porto una senza che io glielo chiesi. Io so´ che posso fidarmi di lui, come lui sa´ che puo´ fidarsi di me. E´ stato sempre cosi, e sara´ sempre cosi.

Questo vuol dire vera fiducia e vera amicizia!!!!!!

Purtroppo molto raro nei tempi di oggi cosi moderni.







.

Mittwoch, 1. Oktober 2008

LOSING MY RELIGION ............



Questa canzone la dedico ad una persona. Riamarra´ sempre un pezzo della mia vita .....





Losing My Religion


Life is bigger
It’s bigger than you
And you are not me
The lengths that I will go to
The distance in your eyes
Oh no I’ve said too much
I set it up

That’s me in the corner
That’s me in the spotlight
Losing my religion
Trying to keep up with you
And I don’t know if I can do it
Oh no I’ve said too much
I haven’t said enough
I thought that I heard you laughing
I thought that I heard you sing
I think I thought I saw you try

Every whisper
Of every waking hour I’m
Choosing my confessions
Trying to keep an eye on you
Like a hurt lost and blinded fool
Oh no I’ve said too much
I set it up

Consider this
The hint of the century
Consider this
The slip that brought me
To my knees failed
What if all these fantasies
Come flailing around
Now I’ve said too much
I thought that I heard you laughing
I thought that I heard you sing
I think I thought I saw you try

But that was just a dream
That was just a dream








.

MI BATTEVA IL CUORE




Mi batteva il cuore; svelto, a cavallo!
E via! Con l’impeto dell’eroe in battaglia.
La sera cullava già la terra,
e sui monti si posava la notte;

se ne stava vestita di nebbia la quercia,
gigantesca guardiana, là
dove la tenebre dai cespugli
con cento occhi neri guardava.

Da un cumulo di nubi la luna
sbucava assonnata tra le nebbie;
i venti agitavano le ali sommesse,
sibilavano orridi al mio orecchio;

la notte generava migliaia di mostri,
ma io mille volte più coraggio avevo;
il mio spirito era un fuoco ardente,
il mio cuore intero una brace.

Ti vidi, e una mite gioia
passò dal tuo dolce sguardo su di me;
fu tutto per te il mio cuore,
fu tuo ogni mio respiro.

Una rosea primavera
colorava l’adorabile volto,
e tenerezza per me, o numi,
m’attendevo, ma meriti non avevo.

L’addio, invece, mesto e penoso.
Dai tuoi occhi parlava il cuore;
nei tuoi baci quanto amore,
oh che delizia, e che dolore!

Partisti, e io restai, guardando a terra,
guardando te che andavi, con umido sguardo;
eppure, che gioia essere amati,
e amare, o numi, che gioia!

(Johann Wolfgang Goethe)








.