Freitag, 27. Februar 2009

STUPRI: LE STATISTICHE ITALIANE

.











Si é parlato molto negli ultimi giorni. Stupri!
E di nuovo si punta il dito verso le minoranze. Cioé stranieri!
É molto facile in questo modo trovare il colpevole, ed é molto scontato trovare sempre tutto il male e dare le colpe.

Ma le statistiche confermano tutta un altra realtá. Secondo i dati del Viminale!

Infatti, si é rivelato che in sei casi su dieci, gli autori di violenze sessuali non sono stranieri, ma italiani!
Secondo i dati del ministero dell'interno, gli autori di stupro di nazionalitá italiana sono del 60,9%. E solo il 7,8% dei vielintatori sono rumeni, mantre il 6,3% provvengono dal marocco.
Nel 2008 sono stati individuati 8845 autori di stupro.

Fatevi i conti tramite le percentuali riportate sopra.

I dati parlano chiaro!






.

Kommentare:

Hernan Rodriguez hat gesagt…

Grazie Salva per la informazione;comunque sia a tutti quelli io le taglio la lingua e le taglio le palle.cosi non posono fare piu danni.saludos.

Salva hat gesagt…

perché? hanno le palle? ;)

Comunque come vedi si dá sempre la colpa agli stranieri. Ma i dati dicono tutt'altro.

Comunque, o italiani o stranieri, chi stupra non fá parte dell'essere umano. E forse nemmeno degli animale, visto che nessun animale stupra.
Saluti,
Salva

Diliviru hat gesagt…

Exacto... la imagen es mas que elocuente los verdaderos hombres no violan!!!

Salva hat gesagt…

Infatti Diana, il vero uomo non stupra! mi é piaciuto molto quella foto, perché dice tanto con una sola frase.

Yuya hat gesagt…

Complimenti perche è un post che volevo fare, mi sono fermata. I conti me li sono fatta è come, parlano solo dei 3 rumeni, de un solo caso, l'altri visto che sono italiani manco ne parlano, poi la gente, che stà sempre a sentire questo mezzo di comunicazione potente, crede, invece si ci facessemo tutti i conti, sarebbe proprio come dici tù, non ci vuole tanto. Ho tanto di perlare su questo tema, ma che quì per il momento concludo. Grazie.

Saluto:)

Salva hat gesagt…

Io mi auguro che lo fai lo stesso il post Yuya. Sopratutto é importante dal punto di vista tuo. Da donna, e da non italiana (che brutta parola, scusa)
Certo, quando succede, al momento é uno shock. Ma molti se ne approfittono di questi momenti per puntare il dito subito contro gli stranieri.
Io essendo cresciuto qui, quindi straniero, ho subito questi pregiudizi generali contro noi stranieri. Avevamo la colpa per tutto. Per lavoro, per la criminalitá, eccetera eccetera. Menomale che la Germania é migliorata in questo. Tranne alcuni cretini, ma quelli si trovano ovunque.

Con affetto,
Salva :)

E-migrad@ hat gesagt…

Hola Tano!

No debe de sorprendernos el hecho de que a priori se culpe a los extranjeros. No solamente pasa en Italia, aunque debemos de reconocer que Berlusconi está haciendo una flor de campaña en ese sentido.

Por lo que voy viendo en estos últimos años, las fronteras de Europa ó mejor dicho de la Unión Europea se está cerrando sin prisa pero sin pausa a todo el que no sea natural de estas tierras.

Las leyes de inmigración, las trabas que se ponen a los que queremos empezar de nuevo aquí, en el Viejo Mundo. Hay una cosa que es clara y debemos recordar: "Lo diferente, asusta"... en mayor ó menor grado, pero pasa.

Cierto es también que muchos hemos venido a comenzar de nuevo aquí y visto desde dentro puede sentirse como un aluvión de gente. Pero no todos los que vinimos somos malos, ni las lacras de nuestras sociedades, ni somos arrivistas, ni maliciosos. De ese tipo de personas hay en todas partes del mundo, sin distinción de nacionalidad.

Lo que pasa es que algunos grupos de ciertas colectividades han dejado una mala impresión y ahora todos pagamos el pato. También es cierto que - hábilmente para su propio beneficio - ha habido quienes aprovechan para extender y generalizar la idea del "extranjero" con esas características menos feclies de algunos grupos... y tanto va el cántaro a la fuente que ha terminado germinando esa falsa idea generalizada sobre nosotros.

Además, siempre es mejor mirar la paja ajena que la propia. Es un mecanismo de defensa también que se llama "proyección".

Me gustó la imagen. Saludos a los tuyos, te agradecen los que mandaste antes ;-)

Bacio, E-migrad@

Salva hat gesagt…

Ciao Emigrad,
hai completamente ragione!! il problema é che fanno di tutta l'erba un fascio, cosi come si dice da noi.
La paura del nuovo, dell'estraneo purtroppo é omnipresente. Ma analizzando bene, dovviamo vedere dove inizia il razzismo. Infatti il razzismo esiste ovunque. Sia tra vicini di case, tra quartieri, e alla fine si distingue quello di culture diverse, dimenticando spesso che abbiamo sempre qualcosa in comune con un altra cultura.
É facile manipolare a volte un popolo contro ció che viene dall'estero. Specie in momenti di crisi, giocando con le paure della gente. Purtroppo le persone ci cascono. E purtroppo l'ignoranza prevale all'inteligenza generale.
Come giustamente ha detto giá Yuya, mirano nel caso italiano a tre rumeni, mettendo da parte centinaia di italiani. Sembra come se é piú facile prendere un problema, per coprirne altri cento.
Io come ho gia detto, sono cresciuto in Germania, ho dovuto subire a volte da ragazzino e da giovane pregiudizi, e sono stato costretto troppe volte a delle risse. Purtroppo per il dispiacere dei miei genitori. Che ogni volta la minaccia standard di un genitore tedesco era:"vi facciamo rispedire da dove siete venuti!!!!".

Comunque sia, violentare una donna o una persona, non ne ha nessuno il diritto, e merita punizioni pesanti.

Un abbraccio Emigrad, a te e partner.

PS: un giorno mi devi spiegare il "tano". ;)

lys hat gesagt…

"Hombres" de nombre los hay en todos los países y cometen desgraciadamente demasiadas fechorias.(contando desde que uno ya es mucho)cuando esos stupros suenan con nombre diferente a los usuales o en idioma de fuera, se magnifican. Las campañas del gobierno de Europa están, actuando mal ya que abierta y solapadamente cierran las oportunidades a personas que tan sólo buscan una vida mejor.

Es triste leer en el periódico de mi país que el ayuntamiento de Madrid tiene una "cuota" de detenciones diarias, 30.

Este es un tema muy complejo, por que también hay mafias, que les hacen mucho daño a sus paisanos. No tengo solución.

Te dejo un beso.

Francesca Romana ALEGI hat gesagt…

Ohi, io sono italiana ed amo il mio paese...ma ho ribrezzo di tutti i politici, da un pò di anni a questa parte, sia di sinistra che di centro che di destra. Ma non ci prendiamo in giro: e che ora l'Italia è l'unico paese che se deve puntare il dito lo punta sullo straniero? Guardate anche gli altri paesi va, che quando si parla di bandiera non si guarda in faccia nessuno!
Un abbraccio

Salva hat gesagt…

Ciao Lys,
Appunto Lys, sono persone in ricerca di una vita migliore.
Io sono figlio di emigranti. I miei hanno lasciato la patria per cercare la fortuna fuori dal loro paese. Ma nonostante tutto, hanno amato sempre l'Italia, nonostante han dovuto lasciarla.
Madrid é come nelle altre cittá. Ci sono credo gli stessi problemi ovunque nelle grandi metropoli. La vita urbana con ritmi frenetici, il chaos, i tempi che ti costringono a sopravivvere.... si possonon trovare mille ragione, o almeno speculare su di loro. ma resta comunque il fatto, ovunque che quando si parla di problemi, purtroppo la prima reazione é puntare su stranieri. E questo nn dovrebbe avvenire. Non ai tempi nostri, dove si parla di multicultura.

Un abbraccio Lys,
Salva :)

Salva hat gesagt…

Ohi Franci:) certo, amo pure io il mio paese, e non credo nemmeno io ai politici. Qualsiasi partito rappresentino.
Ma non ho mai detto che é solo L'Italia che punta il dito verso gli stranieri. Ma che questo succede in tutte le nazioni. O che parliamo dell'Italia, Germania, Spagna, o altrove. Infatti feci l'esempio qui nei commenti quando fui ragazzino io, che la stessa forma di razzismo l'ho subita io, come anche tutti gli altri stranieri che stiamo qui in Germania. Stesse esperienze li hanno avuti amici che emigrarono in Francia.

Ma purtroppo gli ultimi fatti mandati tramite i massmedia, sono quelli dell'Italia. I massmedia che anche a voglia di fare audience, sensazionismo, mimitizzano questi servizi come cronaca, con l'effetto che shockano la popolazione, alimentando l'odio verso gli stranieri.
Ma daccordissimo assolutamente con te che questo succede ovunque. Daccordo anche perché sono cose che ho vissuto e visto appunto qui e altrove.

Un abbraccio Franci,
Salva :)

Aguaya hat gesagt…

Por aquí por Alemania qué te voy a contar con respecto a los extranjeros que ya no sepas....... sin embargo creo que en general son más los violadores "alemanes", no? no estoy segura...
Un abrazo,
AB

Salva hat gesagt…

Hallo Dagmar :)

ehrlich gesagt, ich weiss es nicht ob die Deutschen mehr solche unmenschlichen Sachen machen oder weniger.
Es ging halt darum dass in den letzten Wochen drei Männer aus Rumänien in Rom eine Frau vergewaltigt haben. Sofort wurde mit dem Finger auf alle Ausländer gezeigt. Jedoch zeigen die statistichen eine andere Realität. Nähmlich die, dass die Überzahl die solche abscheulichen TAten verübt nicht Ausländer sind, sondern Italiener selbst.

Jedoch ist es klar, dass ob Italiener, Deutsche oder was auch immer, solche Sachen macht, hart bestraft werden muss.

Einen lieben Gruß Dagmar,
Salva :)