Dienstag, 17. November 2009

I PENSIERI INFLUENZANO LA VITA

.











I pensieri influenzano la nostra vita.
Si, di certo qualcuno si dirá: non é una novitá, questo si sá giá.....
Ma la questione é un poco piú complessa di quello che sembra, ma anche facile da comprendere nello stesso tempo.
La soluzione molti la chiamano: la legge dell'attrazione. Altri usano il termine: "il segreto".
Riferendosi all'universo, che secondo queste leggi, ci ascolta,e che agisce secondo i nostri pensieri.
Forse un modo moderno, o un modo abbinato ai tempi moderni che ci troviamo, per cercare di descrivere magari una divinitá, o sostituirla questa con l'universo, rendendo o volendo mostrare il tutto piú multiculturale.
Bene, nonostante il titolo del mio blog, io non viaggio in sfere esoteriche o altri fenomeni incomprensibili.
Preferisco riferirmi a ció che infuenza sempre e quotidianemente il nostro essere.
Il nostro cervello, e l'inconsio!

Una delle piú note scoperte degli ultimi anni, é stata quella di comprendere come il nostro modo di pensare púo influenzare la nostra vita e il nostro essere.
Ogni singolo pensiero rappresenta piú di ció che fino ad adesso immaginavamo.
Pensieri non sono solo pensieri, ma bensí, "come é stato scoperto e approvato da noti ricercatori nel campo della neurologia", impulsi elettrici, che provocano cambiamenti elettrici e chimiche nel nostro cervello.
Ogni volta che il cervello riceve un comando (impulso) elettrico (un pensiero), parte subito con diverse azioni, Reagendo a quel pensiero mettendo, o creando nel corpo sostanze di controllo chimiche, per reagire e mettersi cosi in azione.
Mentre noi pensiamo "il pensiero", non ci rendiamo conto di quel che succede nel nostro cervello, o dove il cervello inoltra l'informazione, e su come questa informazione viene elaborata. Questa é la fase dove il nostro Inconscio viene attivato!

Immaginiamoci che l'inconscio funzioni come una scatola con un pulsante.
Nel giorno della nostra nascita scatta il pulsante, e giorno dopo giorno, parola per parola che udiamo, queste informazioni influenzano sulla nostra crescita e sul nostro sviluppo. Sia in senso psicologico che fisico.
La quantitá delle informazioni viene messa in, "magazino", facendo si, che man mano che cresciamo, ne usufruiamo quando c'è la necessita, senza che ci rendiamo conto di questo processo cosi complesso.
Crescendo, il nostro inconscio non viene neanche considerato da noi. Esattamente come succede con un computer che accetta tutti i dati che gli diamo e li salva senza sapere a cosa serviranno, ma che li aggiunge con logica quando servono, ad altri programmi, per far lavorare tutto l'insieme.
Appunto per questo motivo su come il cervello lavora senza che noi ne prendiamo atto, diventiamo indifferenti e ci abituiamo a questa massa di informazioni che salviamo senza rendercene conto, ma che saranno molto utili in caso di opportunitá e necessitá.
Di solito sono informazioni ripetitive che noi assorbiamo.
Informazioni che vengono sopratutto salvati tramite azioni, pensieri, esperienze e influssi. Quindi ci abituiamo!
Ed é per questo che senza accorgerci ripetiamo frequentemente azioni, gesti, che quindi rappresentano alla fine, il nostro modo di fare e di essere! Quindi la nostra individualitá!!

Dunque: Il modo in cui viviamo la nostra vita, é solo un enorme somma e quantita di questi "programmi salvati". Di pensieri e autodirettive che ci diamo, o che abbiamo ottenuto insaputamente da input di altri, o anche da noi stessi insieme con altri.
Il risultato finale é quello che ogni persona vive con una massa di programmi del pensiero, che esattamente anche in questo momento il nostro cervello é costretto di mettere in azione.
Il cervello non ha altra scelta! È stato proprio creato per agire cosi.
Per il cervello non ha nessuna importanza se le infromazioni, datigli e ricevuti, o programmi siano buoni o cattivi. Appunto come succede su un computer qualsiasi!
Tutta la forza del nostro cervello ci costringe di vivere secondo i programmi che sono fissi li nel nostro Inconscio.

Solo pochi di noi sfuggono all'abitudine di fare autodiscorsi negativi.
Esistono innumerevoli autodiscorsi e pensieri, che moltissimi di noi fanno o usano senza saperlo o accorgersene, per autoprogrammarsi.
Come possiamo quindi aspettare il meglio di noi, se ad esempio ci facciamo discorsi tipo:
non riesco a portare avanti il mio lavoro!“
„Oggi la giornata va storta, non mi riesce nulla!“
Ogni volta che parlo con lui/lei, litighiamo!“ „
sono sicurissimo che gli altri mi odiano!“
„Perché dovrei provare? Tanto la risposta sará NO!“
eccetera eccetera.....

Questi sono alcuni pensieri con il quale insaputamente ci autoprogrammiamo.
Questo tipo di programmazione di pensieri si aggrappa nel nostro inconscio e ci seguirá per tutta la vita influenzando tutto cio che siamo, pensiamo o facciamo.
Che ci piaccia o no!
Sono pensieri che lavorano contro noi stessi. Pensieri che ci bloccano e ci ostacolano.

Cosa si puó fare per un autocontrollo maggiore?:
Con questa sapienza sul nostro cervello, dobbiamo a questo punto prendere quindi una decisione importante!!
Se noi ci rendiamo veramente conto su come lavora alla fine il nostro cervello, dipenderá quindi solo da noi stessi su come lo programmeremo da adesso in poi.
Il "cibo" da usare, con il quale alimentiamo il cervello insomma!
Certo, il cervello accetera... come giá detto prima, assorbe sia le informazioni postitive, sia quelle negative. Indipendentemente se ci danneggiano o se ci fanno bene.
Anche in questo preciso momenti i vostri (nostri) pensieri (programmi) influenzano su tutto di voi, tranne naturlamente sulla vostra struttura genetica e i suoi attributi, che avete ereditato dai vostri genitori, o antenati.
Quello che peró fate con i vostri pensieri, questo dipenderá da ció che deciderete prossimamente, e da ció che farete veramente di queste decisioni. Questo dipenderá da qualsiasi ordine o direttiva che darete in futuro al vostro cervello.
E qui entra in azione il proprio intelletto per filtrare i pensieri positivi da quelli negativi!!
Per questo motivo ci troviamo davanti a questa decisione importante.
Ed é proprio per questo che coloro che affermano frasi tipo:
„il mio futuro dipende da me stesso“, non sono ne persone esaltati di mente, ne aroganti!
Ma sono semplicemente persone che tramite questa possiblititá di autoprogrammazione, autoinfluenzano il proprio cervello nel modo piú positivo possibile. Coloro che hanno imparato ad avere questo controllo su se stessi, in modo da avere anche cosi alla fine piú controllo della propria vita.

L'altra possibilitá sarebbe quella di essere passivi.
Di far decidere ad altri per noi, e mettere quindi il proprio essere in manii altrui.
É questa senza dubbio, é la peggior cosa che si possa mai fare!!!!

Quindi:
se non prendete responsabilitá su come curare e programmare il vostro inonscio, se non prendete in mano la regia della vostra propria vita, allora la vostra vita dipenderá dá come il vostro cervello verrá influenzato o programmato ad esempio, dai vostri genitori, tutori, capi, amici, politici, regole, dalle vostre esperienze, o semplicemente dall'umore degli altri.
O anche semplicemente a volte da costumi, tradizioni, usanze, o da quello che facciamo solo perché altri se lo aspettano da noi.

E sinceramente credo che la vita é troppo preziosa, e anche troppo corta, per affidarla ciecamente, o farsi influenzare da altri o altro.

Salva :)





.

Kommentare:

GaviotaZalas hat gesagt…

questo bisogna dirlo anche ai genitori cubani che fidanno i figli alla "rivoluzione" e ci hanno distrutto. saluti

scusa non ho correttore ortog. in questo pc, aspetto avere scrito 50 % bene ;-))

Salva hat gesagt…

Capisco perfettamente quando scrivi Gavi. No problem!
Vedo con piacere dal tuo commento che hai letto con cura il mio post e hai capito gli intrecci che ci stanno, e che ci posono stare sull'influenza altrui sul nostro inconscio, influenzandoci contro ció che siamo realmente.

Sempre un piacere vederti nel mio blog. Torna spesso!

Un abbraccio,
Salva :)

Diliviru hat gesagt…

Me estoy perdiendo de mucho al no leer ese libro... Y me perdia de mucho al no pasar por aca!!!

Saludos

Salva hat gesagt…

Si Diana. Ma il libro si riferisce alla forza dell'universo. Dove dice che ci udisce e obbedisce! Io nel post mi riferisco all'influenza dell'inconscio. Sia da noi stessi, come anche da altro o altri.
Due cose che comunque vanno quasi mano a mano tra di loro, ma nello stesso tempo differenti!
Il cervello umano é uno strumento molto complesso. E la sua funzione stá proprio in questo, creando nel nostro inconscio la struttura su come agire, senza che noi ce ne accorgiamo a volte in tempo :)

Saluti,
Salva