Samstag, 31. Januar 2009

LIMITI

.










Limiti:
il termine che indica fin dove si puó arrivare. In situazioni, in capacitá, e anche nella vita.

Questa parola indica anche quando si devono prendere decisioni drastiche. Decisioni che nonostante siano spiacevoli, duri, e in occhi altrui forse anche disumani, non cambiano l'evidenza di doverle prendere.

Per quanta energia puó avere una persona, un limite ce sempre in tutto.

Questi limiti non indicano pessimismo, non indicano scoraggiamento, ma semplicemente decisioni da prendere.
Opportune e necessari, a costo di pagare un giorno caro una decisione che é inevitabile.

A volte si preferisce caricare tutte le colpe su se stessi. Accontentare cosi chi accusa e si lamenta. Con la consapevolezza che in chi ti vuol male suscita solo gioia e godimento.

Cedere al voler lottare per il giusto, perché risulterebbe inutile un tentativo di voler farlo.

Eppure nonostante queste realtá, nonostante critiche, malvolere da altri, nonostante tutto questo, si continua ad andare per la sua strada.
Consapevole che si tratta di una strada dura, pietrosa, e solitaria da prendere.
Una strada che non si sá dove alla fine porterá.

Ma ovunque mi porti, la affronteró!






.

AVRAI (UPDATE VIDEO IN SPAGNOLO)

.






Nel 1982 Claudio Baglioni scrive una canzone strepitosa, per la nascita del suo unico figlio, Giovanni!



Il tito é semplice: AVRAI!
In questa canzone esprime tutto l'amore che un padre puó avere per il proprio figlio.
Quasi come una profezia, ma nello stesso tempo sapendo che la vita conserva tutto ció, che lui descrive sul futuro del suo bambino.

Avrai, é ricca come canzone di parole. Triste, piena di speranze, e piena di sentimenti per il proprio sangue.

Un padre puó essere separato, altrove, lontano dal proprio figlio, ma l'amore li legherá per sempre!



AVRAI - CLAUDIO BAGLIONI (1982)
avrai sorrisi sul tuo viso come ad agosto grilli e stelle
storie fotografate dentro un album rilegato in pelle
tuoni d'aerei supersonici che fanno alzar la testa
e il buio all'alba che si fa d'argento alla finestra
avrai un telefono vicino che vuol dire già aspettare
schiuma di cavalloni pazzi che s'inseguono nel mare
e pantaloni bianchi da tirare fuori che è già estate
un treno per l'America senza fermate
avrai due lacrime più dolci da seccare
un sole che si uccide e pescatori di telline
e neve di montagne e pioggia di colline
avrai un legnetto di cremino da succhiare
avrai una donna acerba e un giovane dolore
viali di foglie in fiamme ad incendiarti il cuore
avrai una sedia per posarti ore
vuote come uova di cioccolato
ed un amico che ti avrà deluso tradito ingannato
avrai avrai avrai
il tuo tempo per andar lontano
camminerai dimenticando
ti fermerai sognando
avrai avrai avrai
la stessa mia triste speranza
e sentirai di non avere amato mai abbastanza
se amore amore avrai
avrai parole nuove da cercare quando viene sera
e cento ponti da passare e far suonare la ringhiera
la prima sigaretta che ti fuma in bocca un po' di tosse
Natale di agrifoglio e candeline rosse
avrai un lavoro da sudare
mattini fradici di brividi e rugiada
giochi elettronici e sassi per la strada
avrai ricordi di ombrelli e chiavi da scordare
avrai carezze per parlare con i cani
e sarà sempre di domenica domani
e avrai discorsi chiusi dentro mani
che frugano le tasche della vita
ed una radio per sentire che la guerra è finita
avrai avrai avrai
il tuo tempo per andar lontano
camminerai dimenticando ti fermerai sognando
avrai avrai avrai
la stessa mia triste speranza
e sentirai di non avere amato mai abbastanza
se amore amore amore avrai




Update video in lingua spagnola, a richiesta di Lys







.

Freitag, 30. Januar 2009

WALTZ WITH BASHIR

.







Titolo italiano: Valzer con Bashir





il film é una co-produzione tedescha, francese, e isrlaeiana del 2008
La data d'uscita ufficiale in italia: 09-01-2009
Regia di: Ari Folman

La trama del film:
Una sera di pioggia. Due uomini al tavolo di un bar. Uno, il regista stesso del film. L'altro, un suo vecchio amico, gli racconta del suo incubo che sogna con spaventosa regolaritá!
26 cani furiosi lo inseguono. Ogni notte!
I due uomini traggono da questo incubo, che deve essere collegato con la missione dell'esercito israeliano durante la guerra in Libano negli anni 80.
E il regista inizia ad avere i ricordi, che per tanti anni aveva messi da parte dalla sua mente.
Cosi inizia la sua odissea, rintracciando amici vecchi, e intervistandoli, per capire il passato.......

Waltz with Bashir é uno di quei film, che possono definirsi speciali!

La visuale del film é grandiosa.
Riesce a trasmettere tutto l'orrore dei ricordi del regista.
Il film é come si avrá giá capito autobiografico. Ma non si batte definitivamente su un lato politico. Ma vá oltre.......

Consigliabile a chi non lo conosce!

Il trailer in lingua spagnola:








.

Donnerstag, 29. Januar 2009

E TU COME STAI?

.








E TU COME STAI - CLAUDIO BAGLIONI
Ho girato e ho rigirato
senza sapere dove andare
ed ho cenato a prezzo fisso
seduto accanto ad un dolore
tu come stai?
tu come stai?
tu come stai?
e mi fanno compagnia
quaranta amiche le mie carte
anche il mio cane si fa forte
e abbaia alla malinconia
tu come stai?
tu come stai?
tu come stai?
tu come vivi
come ti trovi
chi viene a prenderti
chi ti apre lo sportello
chi segue ogni tuo passo
chi ti telefona
e ti domanda adesso
tu come stai?
tu come stai?
tu come stai?
tu come stai?
Ieri ho ritrovato
le tue iniziali nel mio cuore
non ho più voglia di pensare
e sono sempre più sbadato
tu come stai?
tu come stai?
tu come stai?
tu cosa pensi
dove cammini
chi ti ha portato via
chi scopre le tue spalle
chi si stende al tuo fianco
chi grida il nome tuo
chi ti accarezza stanco
tu come stai?
tu come stai?
tu come stai?
tu come stai?
non è cambiato niente no
il vento non è mai passato tra di noi
tu come stai
non è accaduto niente no
il tempo non ci ha mai perduto
come stai?
tu come stai?









.

Mittwoch, 28. Januar 2009

L'UNGENTO DELLE STREGHE

.










La raffigurazione della classica stregha che vola sulla sua scopa.

La conoscono tutti. Bambini e adulti. E la conoscono in tutto il mondo.
In Italia esiste la legenda della buona befana, che si celebra ogni anno. Porta ai bambini dei regalini.
In altre culture esistono feste simili.

La strega sulla sua scopa che vola, magicamente, sopra il cielo.

Ma qualcuno si é mai chiesto cosa significa questa pittura? o da dove deriva questa fantasia?


Bene, molti anni fá, durante i studi, mi interessavo di antiche legende. Di esoterica, e di misteri.
Come anche di erbe e i loro diversi effetti. Questo per studiarli e capire cosa ci stá realmente dietro tutto questo. Appunto per svelare cosa ci stá veramente di vero dietro questi misteri.

Da piccolo mi ricordo in Sicilia i famosi "mudicari". Termine siciliano antico che tradotto vuol dire, colui che cura. Questi lavoravano ad aggiustare slogature o altro, ma sempre con intenzioni religiosi e mistici.
Erano praticamente i curatori di una volta. Non si tratta di medici, ma di persone che impararono il loro "mestiere" da generazioni precedenti.

E avevamo anche le vegenti, le cosidette streghe buone. Anche loro sempre con intenzioni religiosi e mistici. Ma per quanto io capi in quei tempi, molto piú profondi dei loro colleghi maschili.

Loro non si facevano pagare, ma erano le persone che cercavano aiuto a dare un offerta! Come ringraziamento, e come assicurazione che la strega rimanga contenta.

Anni dopo, durante i miei studi, iniziai a studiare da autodidatta questi misteri. Le mie ricerche mi portarono a diverse religioni, legende, e pratiche di molte culture. Trovai tracce e appunti in vecchi libri mistici. Girai diverse bibliotheche, frugando in copie di antichi libri, e prendendo appunti.
E mi accorsi presto, che alla fine tutte le pratiche curative o magiche, in qualche modo o l'altro, si somigliavano. Migliaia di chilometri di distanza, ma la base era sempre la stessa.

Una cosa peró mi rese molto perplesso. Lessi in un vecchio libro, che il volo della strega sulla scopa, ha origini veri.
Molto incuriosito, iniziai con le ricerche. E trovai la soluzione alla fine.

La raffigurazione della strega, in veritá é un atto sessuale. Rappresenta la masturbazione!! E la scopa, rappresenta l'oggetto del desiderio.

Sinceramente, quando lessi questa spiegazione, mi venne da ridere. Ma la spiegazione é chiarissima!

Si trattava di un Ungento che usavano le streghe, per mettersi in trance. O durante i loro incontri, o anche da soli.
E spesso succedeva che, siccome l'ungento é talmente forte che non provoca solo allucinazioni, ma anche mette la persona che lo adopera in estasi sessuali, alla fine si usava anche per ottenere sessualmente quel che si desiderava. Rendere un partner senza volontá, per soddisfare le proprie voglie.

La ricetta dell'Ungento delle streghe, é molto semplice. Usavano, o usano piante velenose o narcotici.
La ATROPA BELLADONNA, e altre sei piante con effetti simili. In piú del grasso di gallina, e altri ingredienti per ottenere un ungento.
Secondo le credenze delle streghe, tutti gli ingredienti dovevano essere raccolte di notte, in giorni differenti e precisi, per ogni tipo di pianta, per avere il maggior effetto. antropa belladonna

Quando lo si preparava, avveniva come in un rituale.

Questo ungento, é talmente forte e pericoloso, (ovviamente, perché fatto tutto con ingredienti velenosi), che bastava spalmarlo un poco sulla pelle, per fare il suo effetto.
Dopo un attimo che faceva effetto, provocava fortissimi allucinazioni, spesso con sensazioni fortemente erotiche. Si credeva di fare un sogno erotico, volando.
Ed é proprio per questo che si parla del volo delle streghe.

Infatti questo ungento si chiama non solo Ungento delle streghe, ma anche ungento per volare.

Le prime raffigurazioni della stregha che vola, é proprio quella della strega nuda, seduta sulla scopa.

Poi da li, fú interpretate come la strega che vola veramente. Ma in realtá, si trattava di tutto un altro tipo di volo :)

Alla fine di tutto questo mistero, si tratta di una fortissima droga, con effetti devastanti, a secondo di come si usava.

Con l'era del internet, é purtroppo molto facile trovare la ricetta come si prepara. E non é nemmeno troppo difficile procurare gli ingredienti.
Ma é molto molto pericoloso. Per il semplice fatto che si tratta di veleni. E ci sono stati casi dove l'esperimento é finito con la morte della persona stessa.









.

LEMON TREE

.



























.

PREMI






Negli ultimi giorni ho ricevuto questi tre premi da Zurama e Diana. Sinceri ringraziamenti di cuore a voi due!

Per quanto mi facciano piacere, non credo proprio di meritarli.
Cosi ho deciso di dedicarli....anzi no, scusate, li voglio cedere a coloro che mi seguono, con entusiasmo o meno, della mia bloglist.

Questo anche perché voglio evitare volutamente una classifica, o una preferenza! e anche perché non mi sento parte di nessun gruppo.



Ok, qui adesso break, un pensiero mio dopo la linea sotto
_________________________________________________________________________________


Quello che non mi piace in generale in alcuni BLOGS:



°
Commenti sono graditi in alcuni blog, finché si tratta di complimenti, e opinioni che concordano con quelli dell'autore (altro che scambi di opinioni....)

°
Ci si aspetta solidarietá per una situazione, o politica, o di beneficienza, la si ottiene, ma non la si ricambia quando ci sono emerzenge altrove o bisogno di aiuto o partecipazione benefico! Ci si intrufola dopo per esigenza di attenzione, ma non nel momento o giorni della necessitá. (il ferro si batte quando é caldo, eh)

°
Hai un opinione politica diversa, o un parere diverso, allora o si esclude colui che commenta, o si sminuisce, o addirittura non si risponde a quel commento! (dinamica di gruppo?).

°
Quando viene citato un blogger scomodo in un post, si evita un commento!

°
L'esibizionismo dei finti esperti che usano foto o elevano la loro "cul"tura, per mettersi in mostra, o fanno finta di essere ció che non sono!

°
L'ipocrisia!

°
il razzismo sottile, nutrito da doppia morale

°
Le star. Commenti, ma non ti rispondono. O rispondono con una frase breve, quasi come dire, "ok, grazie, e adesso vai al diavolo". O non commentano proprio mai sul tuo blog. Questo significa che la visita tua da loro non é gradita assolutamente. Quindi meglio lasciar perdere e non dare nessuna importanza futura.


Bene, sono le cose che a me non piacciono! Riceveró un premio per antipatia adesso o in futuro? lo accetto! :)


Salva






.

Sonntag, 25. Januar 2009

LUCE SUL TUO CORPO

.











Luce sul tuo corpo



La luce là fuori di un vecchio lampione
trapassa persiane, posandosi sul tuo corpo nudo e splendente
troppo splendore per i miei occhi quella visione
uno spettacolo inebriante per la mia mente

Quel tuo corpo spartito tra ombre e chiarezza
non volli smettere mai di osservarlo
Un pó di vergogna mi prese goder di tanta ricchezza
ma irresistibile era la voglia di ammirarlo

respirando muovevi quel tuo corpo dolcemente
Quei movimenti che riempivano quella luce di vita
Non vidi mai tanta bellezza in un corpo dormente
sapendo che quel attimo non poteva essere di eterna durata

Troppa era la paura di addormentarmi
il timore che fosse tutto soltanto un sogno
da quel istante non avrei mai voluto allontanarmi
capí che eri tu l'essenza della quale avevo bisogno

Di quell'essenza adesso rimane solo il ricordo
mi nutre di notte nei miei sogni piú segreti
a qualsiasi ragione il mio cuore si rende sordo
Gioisce troppo intrappolarsi in questi piacevoli reti






.

Samstag, 24. Januar 2009

NON CI RESTA CHE PIANGERE, IL TENTATIVO DI FERMARE COLOMBO ;)

.










Tra tutto il trash all'italiana. Film stupidi comici, Questo film esalta fuori. Perché nonostante la sua storia, che rappresentava la risposta italiana al film Meanstream: BACK TO THE FUTURE.

Non ci resta che piangere é un film di una comicitá inteligente, fatta con grande stile.
I protagonisti, due amici della pelle: Il maestro Roberto Benigni, e il grande Massimo Troisi, morto purtroppo dopo aver realizzato il suo film "il postino".

La trama del film:
Due amici stretti, un bidello, e un professore, viaggiana nella loro cabriolet.
Decidono di prendere una vecchia strada per accorciare, inizia a piovere, e si riparano sotto un piccolo albero. Cosi si recano verso una vecchia locanda, chiedendo una stanza.
L'indomani si ritrovano in pieno medioevo. Non sapendo come tornare nei tempi di oggi, a Benigni gli viene un idea geniale, come rendere utile la loro situazione.
"Dobbiamo fermare Colombo, prima che parte e scopre l'america. Cosi non esisteranno in futuro gli americani, perché non ce un americano buono!!" dice Benigni :)

É senza dubbio una delle scene piú belle di una comicitá geniale del Film, che ha fatto ridere l'Italia intera.

Ecco a voi la scena tratta dal film: NON CI RESTA CHE PIANGERE ;)








.

CAN'T STOP

.











I Red Hot Chili Peppers, sono una band funk-rock, la quale fondazione inizió giá negli anni ottanta. Il primo loro Album uscí nel 1984.

Il brano del Video é del 2003. Ed é uno dei piú matti video che furono mai fatti.
Can't Stop!





CAN'T STOP - RED HOT CHILLI PEPPERS







.

PAURA SI, MA NON PARALIZZANTE!

.












Come saprá chi segue il mio blog, sa che pratico Sport, e sono insegnante di arti marziali da tanti anni.
Ho instruito Poliziotti, uomini, donne, e bambini.
Di tutte le categorie. Ho avuto allievi che giá di natura combattenti. E ho avuto molti allievi che iniziarono, perché insicuri e spaventati di affrontare una situazione reale. O altri che furono vittime di violenza.

Bene, quando loro mi parlavano di aver paura di un confronto reale, ho insegnato a loro sempre la stessa cosa:

"Anche io ho paura. Sempre e ovunque. E questa paura mi aiuta ad avere cautela, ed essere attento a diverse situazioni!"
Loro all'inizio non capiscono.
Ma io spiego sempre una cosa importante:
Che la paura é normale. In tutti noi.
Ma purtroppo nel maggior dei casi, la paura paralizza! ci rendei indifesi! e quindi per questo, sconfitti é indifesi.
Invece la paura da utilizzare, quella che intendo io quando é di fronte ad un pericolo, o minacciati, é quella che quando attiva, ci aiuta ad agire.
Quella che viene dall'istinto naturale in tutti noi. Al piú veloce possibile, per uscire da una situazione critica. Colpire quindi l'aggressore, con la forza del panico, ma con movimenti controllati, anche se voloci!

Questo tipo di cambiare modo di pensare, ci cambia anche il modo di agire in molte situazioni giornalieri. Se mi muovo nella massa, devo sempre aspettarmi che qualcuno, non vedendomi magari perché sto dietro di lui, faccia un movimento sbagliato con un ombrello, gomito, o altro.
Essere quindi preparati mentalmente, non tesi, ma preparati, a mantenere una distanza precisa. Se non possibiltá di distanze, allora usare braccia e mani, per far da scudo, e proteggere il nostro torso.

In questo non c'e´ nulla di innaturale. Ma é un istinto che tutti hanno dalla nascita. Provate a osservare un bimbo che inizia a camminare, o che cammina da poco. Cosa fá quando inciampa? Porta per istinto le mani in avanti. Senza che nessuno glielo abbia mai insegnato. Se questo lo aiuta a non farsi male, é un altro discorso. Peró bisogna considerare l'azione istintiva. Male quando un genitore lo rimprovera perché é caduto. Allora quel portare in avanti le braccia, diventa spesso un incrociarli. E cosi agira anche la prossima volta quando cade o scivola per terra.

Trasformare quindi la propria paura, in azioni utili.
Utilizzare l'adrinalina, anche sé sotto panico, in Energia. Sfruttando quello che questa sostanza nata da situazioni pericolosi o emotivi, ci offre.

L'adrinalina, é energia pura. Ci sono stati casi di persone, anzi, mamme, che in caso di pericolo del proprio bambino, sviluppano forze incredibili. Non rendendosene conto di ció. Testimonianze vari confermano che é un dato di fatto!
La mamma ha agito di istinto. Nel momento del panico, non ha riflettuto se era in grado di farcela o no. Ha semplicemente agito, perché la paura per la propria creatura era piú grande del ragionamento razionale!

O un esempio molto banale: siete fumatori accaniti da anni. Non avete mai pensato, ne avuto la voglia di smettere. Quando peró il medico vi dice che potrebbe arrivare un cancro, allora li inizia la paura di dover morire. Quella paura iniziale in questo caso é uno shock enorme che dovete elaborare. Ma vedrete di sicuro le sigarette con un altro occhio da quel momento in poi. E la prossima reazione sono preoccupazioni. Vi scorre davanti un film, vedete magari immaginando la vostra morte. L'adrinalina inizia a lavorare, e vi dá subito la forza di agire, e di smettere con questo vizio. Una forza e volontá che sino a quel giorno non avete mai avuto, la paura ve la fornisce in un istante. Questo é il tipo di paura della quale abbiamo bisogno. Ed é la paura che abbiamo naturale in noi. Chiamatela adrinalina, forza di Dio, o come volete. Molte credenze, culture, percezioni per descriverla. Ma alla fine é la stessa!



Nel caso di un combattimento. Parlo di un combattimento sorprendente. Quando si viene attachati o minacciati senza aspettarselo, li in quel caso il corpo deve agire con dei riflessi naturali nati in ognuno di noi!
In questi casi il cervello non ha il tempo di riflettere, e scegliere il movimento esatto in millessimi di secondi. Ma deve essere il corpo a reagire, proteggendosi, ma nello stesso tempo mettersi in azione.

Esempio pratico: uno stá per darmi un pugno. Il cervello ci metterebbe troppo per dare al corpo il comando del movimento giusto che ci serve, per parare quel colpo. Millesimi di secondi, sono impossibile da coordinare e organizzare per potersi proteggersi. E prima che reagisce il corpo ad un comando del cervello, abbiamo incassato giá quel pugno.
Quindi, quello che insegno io, sono istinti naturali, quei movimenti che abbiamo tutti in noi, ma che abbiano l'angolazione giusta per farci da scudo. Assorbendo la forza dell'aggressore, per usarla contro se stesso, aggiungendo la nostra. Un doppio impatto, con tutta l'esplosivitá che ci aziona grazie all'adrenalina.
Questi movimenti, reazioni e riflessi vanno esercitati in anni di training, e necessitano di molta pazienza e esperienza. Il corpo non deve imparare la tecnica A e B. Ma deve trasformarsi in reazioni e riflessi, che rispondono all'imput. In tutte le sue forme.

Si tratta di filosofie dell'acqua (della quale giá feci un post). E sono applicabili non solo per un combattimento, o situazione di autodifesa. Ma si possono applicare anche nella vita quotidiana. Perché appunto non sono tecniche da imparare a memoria, ma istinti.

Questo aiuta alla fine a trasformare una paura paralizzante, in una cautela che fá senso. Una paura che ci dice, muoviti e agisci, al piú veloce possibile.

Chi vuole farci paura?:
La paura viene sfruttata da chi ci vuol male. Coloro che vogliono terrorizzarci, mirano proprio su questo. Paralizzarci, privarci della nostra libertá di muoverci, agire, esprimerci. Uguale si si tratta di un nemico, del superiore del nostro lavoro, del vicino di casa razzista, du un organizazzione qualsiasi, o di un regime.
La paura la si trova ovunque. Giocano con essa, come su un istrumento da renderci immobili.
E lí é il punto che la dobbiamo individuare, e dirci, Stop, qua qualcosa sta privando la mia libertá che é di mio diritto. Giá quello dimostra l'inizio di agire, di affrontare la situazione, e di fare della nostra paura, l'istrumento per far si che chi ci vuol male, raccolga ció che semina.
Diventa cosi quindi la nostra arma migliore. E quell`arma, é stata alla fine un regalo di chi voleva usarla contro di noi.






.

Freitag, 23. Januar 2009

PREMIATO AL ESFUERZO PERSONAL




Oggi, un poco stonato dal sonno, lessi nei comment, che Zurama mi invitava di passare nel suo blog sull'habana.
Fú una sorpresa piacevole, non pensavo di meritare tanto.

Grazie mille Zurama :))

Questo premio lo dedicheró in uno dei prossimi post, ai blogger che stimo e che seguo.





.

IL MIO CANTO LIBERO

.







Io amo questa canzone. Mi trasporta in pensieri.

É una delle piú belle canzoni di Lucio Battisti, scritta con la collaborazione di Mogol nel 1972. Poetica e melodica nello stesso tempo.
Mogol scrisse il testo dopo la separazione della moglie, dedicato al nuovo amore che trovó in un altra donna. La nuova compagna di Mogol era la poetessa e pittrice Gabriella Marazzi.

È una delle piú conosciute canzoni di Lucio. Ed é stata rifatta molte volte, e da diversi interpreti.

Sotto trovate l'originale di Lucio Battisti, e il cover di Laura Pausini con Juanes.




IL MIO CANTO LIBERO

in un mondo che
non ci vuole piu'
il mio canto libero
sei tu
e l'immensita'
si apre intorno a noi
al di la del limite
degli occhi tuoi
nasce il sentimento
nasce in mezzo al pianto
e s'innalza altissimo
e va
e vola sulle accuse della gente
a tutti i suoi retaggi indifferente
sorretto da un'anelito d'amore
di vero amore
in un mondo che
prigioniero e'
respiriamo liberi
io e te
e la verita'
si offre nuda a noi
e limpida e' l'immagine
ormai
nuove sensazioni
giovani emozioni
si esprimono purissime
in noi
la veste dei fantasmi del passato
cadendo lascia il quadro immacolato
e s'alza un vento tiepido d'amore
di vero amore e riscopro te
dolce compagna che
non sai domandare ma sai
che ovunque andrai
al fianco tuo mi avrai
se tu lo vuoi
in un mondo che
prigioniero e'
respiriamo liberi
io e te
e la verita'
si offre nuda a noi
e limpida e' l'immagine
ormai
nuove sensazioni
giovani emozioni
si esprimono purissime
in noi
la veste dei fantasmi del passato
cadendo lascia il quadro immacolato
e s'alza un vento tiepido d'amore
di vero amore e riscopro te
du du du du du
du du du du du




Originale di Lucio Battisti





Cover - Il mio canto libero - Laura Pausini+Juanes







.

Mittwoch, 21. Januar 2009

PROVERBI E DETTI

.







Un vecchio proverbio dice....... Esiste un detto che dice....... Da noi si dice...... e cosi via!

Si parla di proverbi, o detti.
Le saggezze degli antichi, come si dice da noi.
E a dir il vero, sono affascinanti. Perché sono composti da una frase o due, ma con contenuti, consigli, avvertenze, e consolazioni uniche!
E dá un pó che volevo dedicare un piccolo post al mondo dei proverbi! Riflettendoci bene, una volta sentiti, ci tornano sempre in mente, dipendentemente dal momento, esperienza, sensazione, e umore.

Proverbi:
brevi frasi che racchiudono in sé tesori di saggezza.
Nei proverbi si ritrovano esperienze, costumi di paesi, tradizioni, mentalitá, e addirittura la cultura di popoli, e usanze.

Esistono in ogni paese, in ogni lingua e dialetto, in ogni cittá, ogni posto di questo mondo. Un pó si somigliano, un pó anche no.
Molti fanno rima, alcuni altri invece no.
Proverbi che si trovano simili in nazioni diversi, rispecchiano testimonianze di antichi scambi interculturali senza dubbio.
Che furono scambiati nell'antichitá, o anche durante una colonizazzione di una terra, questo non si sá.
Assumendo quella terra cosi parte di un patrimonio culturale linguistico, di chi la occupó, visitó, o altro.

Proverbi e detti, li iniziamo a sentire sin dall'infanzia.
Spiegano spesso molto di piú di interi libri, perche in una sola frosa contengono a volte contenuti complessi, che ci fanno riflettere, e imparare da loro.
Un proverbio puó dare piú spiegazione, di una spiegazione complessa!

Vengono passati spesso da generazione a generazzione. Li troviamo nei muri, nei canti, nei libri, nei racconti, dapertutto insomma.

In fase di gioventú vengono spesso ignorati.
Perché l'istinto naturale che prevale rispetto alla saggezza, in giovane etá, si rifiuta di assorbirli.
Per il semplice motivo che la voglia di fare esperienze prevale a esperienze approvate e antiche.
Dopo aver fatto determinate esperienze, ci si ricorda dei proverbi a volte, dicendosi: "era verissimo quel detto!"


Ecco a voi alcuni proverbi carini:)



Il vino è buono, per chi lo sa bere.

A buon intenditor, poche parole

Troppi cuochi guastano la cucina

Il frutto non casca lontano dall' albero

Il più saggio cede

due cuori una capanna

Una casa che non ospita un cane o un gatto è una casa poco onesta.

La malerba non muore mai

Tra i due litiganti il terzo gode

Ride bene chi ride ultimo

Il fine giustifica i mezzi

Chi semina vento raccoglie tempesta

chi troppo vuole nulla stringe

Un padre puó dare da mangiare a dieci figli, dieci figli non possono dare da mangiare ad un padre.

Ama chi t'ama e rispondi a chi ti chiama

E' meglio un aiuto che cento consigli

Al bisogno si conosce l'amico

Chi soffre per amor, non sente pene

Un asino trova sempre un altro asino che lo ammira

Per ben parlare e assai sapere, non sei stimato senza l'avere

La barba non fa il filosofo

Non è bello ciò che è bello, ma è bello ciò che piace

Molte volte la bellezza più adorabile si unisce alla sciocchezza più insopportabile

La bellezza ha belle foglie, ma il frutto amaro

I saggi hanno la bocca nel cuore, e i matti il cuore in bocca

La bugia è come una valanga, più rotola più s'ingrossa

Burlando si dice il vero

Tante volte si tira al cane per fare insulto al padrone

Chi fa carità è ricco e non lo sa

Con poco cervello si governa il mondo

Le chiacchiere non fanno farina

Vicino alla chiesa, lontan da Dio

Non comprare da chi si fa pregare

Il tempo dà consiglio

Sotto consiglio non richiesto gatta ci cova

Il cuore è il primo che vive e l'ultimo che muore

Il cuore ha le sue ragioni e non intende ragione

Alla vista si conosce il cuore

Di' una volta alla donna che è bella e il diavolo glielo ripeterà dieci volte

La donna ne sa un punto più del diavolo

I mezzani sono i pidocchi del diavolo

Da chi mi fido mi guardi Dio, da chi non mi fido mi guarderò io

Disgrazie e spie son sempre pronte

Chi dona il dono, il donator disprezza

Donna che ha molti amici, ha molte lingue mordaci

La fortuna aiuta gli audaci

La gelosia scopre l'amore

Giocare e perdere lo sanno far tutti

Giuramento d'amante, poco conta e meno vale

Quello che si impara a proprie spese, non lo si dimentica facilmente

Di buoni propositi è pieno l'inferno

Le lacrime alleggeriscono il cuore

Chi lavora fa la gobba e chi ruba fa la robba

Le leggi son come le ragnatele

I1 libro serrato non fa 1'uomo letterato

La buona mamma fa la buona figlia

Chi ha male al dito, sempre lo mira, chi ha mal marito sempre sospira

Nel matrimonio un mese di miele e il resto di fiele

Il troppo amen rovina la messa

A chi prende moglie ci voglion due cervelli

Il mondo sta con tre cose: fare, disfare e dare ad intendere

Tutti son bravi quando il nemico fugge

Di notte la villana è bella quanto la dama

L'oro non compra tutto

Morto un papa se ne fa un altro

Parole non fanno fatti

Con la pazienza si vince tutto

Non importa andare a Roma per la penitenza

Si può pensare quello che si vuole, ma non si può dire quello che
si vuole

Perdonare è da uomini, scordarsene è da bestie

La povertà fa l'uomo vile

Sotto il buon prezzo ci cova la frode

Le puttane hanno più trappole che topi

Contro la forza la ragion non vale

Il dubbio è il padre del sapere

Segreto confidato, segreto pubblicato

Le piccole spese son quelle che vuotano la borsa

La speranza è una buona colazione, ma una cattiva cena

La superbia mostra l'ignoranza

Tradimento piace assai, traditor non piace mai

Uomo avvisato, è mezzo salvato

Chi ha il mal vicino, ha il mal mattutino

Prima della virtù, Dio ha messo il sudore

Vizio non punito, cresce all'infinito

Meglio in vita un complimento che dopo morti un monumento

Non c'è rosa senza spine

Non restar neutrale di fronte al dolore e al male

Nutri il corvo e ti caverà un occhio

Quando un padre è troppo buono, i figli non lo sono

Sii paziente col rivale, avrai lode universale

Tale padre, tale figlio

Una mezza verità è una bugia intera

Tutto arriva a chi non ha fretta e si dà da fare mentre aspetta

Non metter lo zampino negli affari del vicino

L'amore é bello quando é litigarello

Chi disprezza compra

Santo Giusto era cosi giusto che gli mancava il dito piccolo







.

LADY MARMALADE

.







Questa performance di Cristina Aquilera, Pink, Mya, é Lyl é strepitosa. Una vera e propria collaborazione perfetta di 4 Powerladys :)


IL VIDEO



VIDEO LIVE MTV MUSIC VIDEO AWARDS (2001)








.

LA MIA VITA DENTRO

.



dal blog di Diana



Normalmente non uso copiare post da altri blog. Ma questa storia mi ha commosso.
Rosa é una giovane donna messicana, che come tanti messicani si recó negli stati uniti, con la speranza di una vita migliore.
Il paradiso che lei sperava peró si trasformó presto in un vero é proprio inferno!

Il film/documentario "MI VIDA DENTRO", di Lucía Gaía, racconta la storia di Rosa, e della sua disperata odissea. Vittima di razzismo!
Condannata a 99 anni di reclusione, separata dai suoi figli, senza la possibilitá di poterli vedere.


Qui il testo di Diana, autrice del blog un poco del Mexico, un poco di me
Mi vida dentro es un documental que aborda una problematica común de mis paisanos en el pais del norte: El racismo.

Trata sobre la historia de Rosa Estela Olvera Jiménez quien actualmente cuenta con 26 años de edad, la cual esta presa en una carcel estadunidense acusada del homicidio de un bebé de 18 meses de edad el cual estaba bajo su cuidado. Este bebito subitamente tragó un buen pedazo de papel y se ahogó con el mismo, los paramédicos intentaron reanimarlo y según algunos testimonios y pruebas al momento de prestarle los primeros auxilios al menor le introdujeron todavia mas el papel en la laringe lo cual le ocasionó la muerte. Para proteger a los cuerpos médicos y por estar ahi, agregando que era indocumentada, mexicana y poco instruida se les hizo fácil culparla del homicidio.

El proceso de Rosa estuvo plagado de trampas y racismo, incluso en alguna parte del juicio una pregunta de una integrante del jurado a un testigo es clara e hiriente:" “¿Usted podría asegurar que pese a ser mexicana Rosa es una mujer inteligente?”

Resultado: La sentencia que purgará Rosa es de 99 años de prisión, la próxima revisión de su caso esta programada para el 2035.

Segun datos de Juan Manuel Badillo del periódico mexicano El economista en Estados Unidos más de 1600 mujeres mexicanas cumplen largas condenas en sus cárceles y muchas de ellas, por no saber inglés, no saben ni la cantidad de años por las cuales fueron encerradas. Estas mujeres, culpables o no, son las principales víctimas de racismo, discriminación, y violencia dentro de las cárceles de Estados Unidos.

Rosa Estela, quien emigró hacia USA en busca de mejores condiciones de vida para su familia actualmente es tratada como un peligroso criminal, separada de sus hijos, sin derecho a ver a sus familiares.

Que triste. ¿Que pecado cometimos los hispanos para recibir tanto odio de los norteamericanos?
Ahora en medio de toda la efervescencia del nuevo presidente de Estados Unidos se me ocurre pensar si realmente cambiara algo para México, hay tantos pendientes sobre el tema migratorio, derechos humanos, narcotrafico que no creo que sean prioridad para Barack Obama... O si?











.

Dienstag, 20. Januar 2009

SE IO FOSSI UN ANGELO

.









Lucio Dalla é spesso stato molto ironico nelle sue canzoni :) Come nel suo brano "SE IO FOSSI UN ANGELO". Poetico ma critico nello stesso tempo.
Il brano é del 1986. Ed il testo dice giá tutto ;)


Se io fossi un angelo
chissà cosa farei
alto, biondo, invisibile
che bello che sarei
e che coraggio avrei
sfruttandomi al massimo
è chiaro che volerei
zingaro libero
tutto il mondo girerei
andrei in Afganistan
e più giù in Sudafrica
a parlare con l'America
e se non mi abbattono
anche coi russi parlerei
angelo se io fossi un angelo
con lo sguardo biblico li fisserei
vi do due ore, due ore al massimo
poi sulla testa vi piscerei
sui vostri traffici
sui vostri dollari
sulle vostre belle fabbriche
di missili, di missili
se io fossi un angelo, non starei nelle processioni
nelle scatole dei presepi
starei seduto fumando una marlboro
al dolce fresco delle siepi
sarei un buon angelo, parlerei con Dio
gli ubbidirei amandolo a modo mio
gli parlerei a modo mio e gli direi
" Cosa vuoi tu da me tu"
" I potenti che mascalzoni e tu cosa fai li perdoni"
" ma allora sbagli anche tu"
ma poi non parlerei più
un angelo non sarei più un angelo
se con un calcio mi buttano giù
al massimo sarei un diavolo
e francamente questo non mi va
ma poi l'inferno cos'è
a parte il caldo che fa
non è poi diverso da qui
perché io sento che, son sicuro che
io so che gli angeli sono milioni di milioni
e che non li vedi nei cieli ma tra gli uomini
sono i più poveri e i più soli
quelli presi tra le reti
e se tra gli uomini nascesse un ancora Dio
gli ubbidirei amandolo a modo mio
a modo mio...

SE IO FOSSI UN ANGELO - LUCIO DALLA (1986)







.

UNA TERRA ELETTA DA DIO IN PERSONA :S

.










Il discorso del nuovo presidente degli stati uniti d'America, é stato un pieno successo, successo per lui ovviamente!
Gliel'hanno preparato carino il discorso di apertura. Con citazioni di proverbi vecchi, e le solite promesse. Ovviamente tutto pepato al fatto che é un uomo di colore.
Ma ovviamente nulla di nuovo riguardo concrete affermazioni ;)

In poche parole ha detto tra l'altro, che tutti coloro che apriranno il pugno, verrano accolti. Quindi in sintesi vuol dire di sottomettersi all'America e le sue regole.

In piú non permetteranno nessuna minaccia nucleare a nessuno. In sintesi questo allude quindi all'Iran, sará li la prossima guerra? attenzione al Nordcorea caro Obama ;)

E che l'America e amica di tutti! (ah, anche Irak, Afganistan e altri paesi non simpatizzanti con loro?)

Certo, ha parlato anche per un dialogo con i paesi musulmani. (ovviamente si rifersce alla piccola parte di questi paesi, che fá comodo all'America, con per i suoi interessi economici e industriali) :)

Ma il culmine di tutto il discorso é stata la parte che questa, chiamiamola nazione, sarebbe eletta da Dio, per mettere le cose in ordine.....LOL

Naturalmente niente sul terrore di Palestina, su ció che fanno da parte di Israel. Niente sulle persone uccise da Israel. Niente sul terrore che l'america ha causato nell'Irak, torturando prigionieri, e uccidenti civili. Niente di tutto questo! Ma si sá, l'ipocrisia americana non conosce confini. I pionieri americani hanno costruito questa grande nazione, dice Obama. Saltando naturalmente che le terre le hanno rubati ai veri americani, cioé gli indiani d'america, cacciandoli o massacrandoli!!

E un dialogo con le terre vicine? una soluzione? Mexico, Cuba, e cosi via?.....Niente??
Se ci fosse stata l'intenzione di risolvere questi problemi, sarebbe giá avvenuto da tempo. Anzi di concentrarsi e rassicurarsi il monopolio di potere nel mondo, alla quale l'america ha sempre mirato!


Caro Obama, prima di pensare tu e la tua lobby, ai cavoli degli altri, impara da loro.
Prendi il sistema sociale, culturale, e sanitario che abbiamo in Europa, e applicalo come modello per la tua cosi preziosa terra promessa. E impara dalla nostra cultura elevata, fuori dai vostri stati, che voi non avrete forse mai.
Dai sostegno in primis a chi ha bisogno veramente da voi. E poi, solo poi, magari inizi a capire, che l'america non ha mai comandato sul resto del mondo, e mai lo comanderá! Perché il resto del mondo non vi ha mai chiesto di essere controllato da voi, e mai ve lo chiederá!!






.

IL CLUB DEI MILIONARI - 28 BILIONI DI EURO

.










Questi giorni vedendo un servizio televisivo su ville di lusso, e le persone che li posseggono o comprano, mi sono chiesto: Ma quanti milionari ci sono al mondo? E quanto denaro posseggono. Chiaro che misuriamo in dollari. Non in altre valute, o immobili vari che posseggono. Bene, i numeri che ho scoperto la "National Geography", e altri fondi, li riassumo brevemente qui sotto! :)

La nuova unitá di misura per calcolare la quantitá di milionari (di dollari) nel mondo, "BRIC". Perché in Brasile, Russia, India, e Cina, la quantitá di milionari aumenta di piú delle altre nazioni.

Nel Paradiso degli azionisti: l'India! aumentarono i milionari per piú di 23%.
In Cina piú di 20%.
In Brasile piú del 19%
In Russia piú del 14%.

Comunque, o che si tratti di Ricchi BRIC, o di altre nazioni ricche come USA, o Svizzera, un milione non ha piú il valore di una volta. Oggi per causa dell'inflazione, un milione ha un potere d'acquisto di circa 455.500 dollari, o meglio circa 320.000 €uro, rispetto al potere d'acquisto che ebbe solo 25 anni fá!!

Eppure il termine MILIONARIO, ancora oggi ci affascina! Nonostante il milione, non é piú il milione che valeva un milione 25 anni fá.
"La capacitá intuitiva della maggior parte della popolazione mondiale, non ha potuto stare al passo con il progresso", come dice giustamente il sociologo L. Beeghley.


Dove vivono i ricchi!:
Nel 2007 ne furono contati 10.000.000 di milionari, con un insieme di patrimonio di 28 bilioni di Euro. E la maggior parte di loro vivono qui:
1. Svizzera (2,7% tra tutti gli abitanti li)
2. Stati Arabi (1,8%)
3. Singapur (1,7%)
4. Norvegia (1,3%)
5. Giappone (1,2)
6. USA/GERMANIA (1%)





.

Montag, 19. Januar 2009

NEW PHONE..........

.









Quando vado all'estero, uso sempre due telefonini.
Quasi due anni fá comprai il Sony Ericsson K800i, limited CASINO ROYALE-edition.
Il K800i di solito veniva prodotto o in color nero, o color canna di fucile. Mentre la limitited edition era quella piú richiesta, appunto perché limitata. In griggio metallo, con alcuni aggiuntivi dedicate al famoso film.
Bene, visto che il prezzo non era diverso dal modellino normale, comprai quello limitato.
Chiaro che il nuovo lo usavo per la mia SIM tedesca, mentre per quella italiana usavo un telefonino semplicissimo.

Ultimamente amici euforici di telefonini, mi raccontarono delle loro esperienze (che noia) con i loro telefonini Palm tipo il Iphone, o Blackberry.
"Salva, sono bellissimi questi telefonini. Puoi andare dove vuoi, e ti trovi, sempre su Internet.
Puoi chattare con Messenger, e puoi usarlo come bussola, e vedere anche film con Youtube
"! O_o

Allora, va bene che la tecnologia moderna vá sempre piú avanti. Peró, io il telefonino l'ho comprato per essere raggiungibile quando vado fuori casa. E sicuramente non entro su Internet quando stó fuori in un bar, un pub, o in giro per la cittá!!

Comunque un nuovo telefonino, non necessariamente mi serviva, ma era buono averlo, appunto per le mie due SIM.
E visto che il vecchio numero tedesco non ce l'ho piú da quando me ne andai in Italia, appunto perche mi era terminato il contratto vecchio verso marzo del 2008, ma non lo usavo giá da dicembre 2007, tranne per qualche SMS, mi serviva un telefonino nuovo.

Tornando dall'Italia, solo questa settimana mi accorsi che sulla SIM vecchia, ebbi ricevuto degli SMS abbastanza importanti. Ed erano arrivati novembre e dicembre del 2007, che ho letto solo adesso :S

Comunque, oggi mi decisi di andarne a comprarne uno nuovo. Naturalmente del mio produttore preferito. Cioé Sony Ericsson. (odio Nokia, brutte esperienze con il service)
Chiesi alla ragazza che lavora in uno di quei Shop sul modello C902 Cybershoot. Lei voleva vendermi il modello Xperia.
Io insistetti spiegando che il Xperia fa cag..., insomma che non mi piace. Anche perché si tratta di un telefonino che usa Windows mobile, e non é molto affidabile come sistema operativo.
Lei cercando di convincermi, mi disse:"ma, questo telefono sa fare tutto!!!!"
le chiesi li allora:"anche un buon espresso?" lol
Dopo aver riso lei, mi prese il telefonino che volevo io.



Cosi posso usare quello "vecchio" per quando vado all'estero, mettendo una SIM della nazione dove mi trovo, e quello nuovo col numero tedesco, perché é il numero che hanno tutti gli amici di qui.

Persone che ce l'hanno questo modellino che comprai oggi, mi dissero giá che é un telefonino ottimo.
Ha una durata molto lunga, qualitá audio molto buona. E una capacitá di fare foto di 5 Mega.

In casi di emergenza ha una connessione velocissima per Internet, ma tanto questo opzione non mi interessa per niente. Tranne se devo usare il telefonino come modem per il mio laptop.
Abituato sulla tastiera del pc, dove scrivo senza guardarla, mi verrebbero attacchi di nervosismo se dovessi scrivere su un telefonino per chattare su MSN o su Skype. :))

Bene, adesso non mi resta altro da fare, da passare tutti i contatti dell'altro Telefono, su quello nuovo. Le suonerie che uso io, Foto, e sfondi. E alla fine dare il mio nuovo numero agli amici.
Ma tanto, con i programmi giusti, un impresa facile. :)

E poi siamo sinceri. L'euphoria che si ha all'inizio, alla fine ci si rende conto che i telefonini, servono solo per una cosa e basta.
Cioé, Telefonare!! :)







.

PENSIERI E PAROLE

.









Ci sono momenti, ci sono giorni, ci sono tempi della nostra vita, dove la musica, le canzoni, e i loro contenuti, ci accompagnano, ci consolano, ci fanno ricordare.... e alcune volte ci aiutano a delle riflessioni.

Penso che sia cosi per la maggior parte delle persone.
Che abbiano buon gusto musicale, o cattivo gusto musicale, questo non ímporta!
Perché appunto sono gusti.
L'importante é quella emozione che ci danno musiche e canzoni a noi stessi. E questi emozioni sono personali per ognuno di noi.
Magari la stessa canzone, con lo stesso contenuto, ci dá emozioni, pensieri e riflessioni diversi. Perché appunto la musica nel suo insieme, si adegua alla persona che l'ascolta. La persona con le sue esperienze uniche, con i suoi pensieri unici, e con il suo cuore, unico!


La canzone che mi accompagna in questo preciso momento,
é per me una delle piú belle canzoni italiane di tutti i tempi.
E le sue parole, si, le sue parole mi accompagnano, prendendo per mano la mia anima.

E la voglio condividere con voi.

Pensieri e parole - Lucio Battisti (1971)



Che ne sai di un bambino che rubava
e soltanto nel buio giocava
e del sole che trafigge i solai, che ne sai
e di un mondo tutto chiuso in una via
e di un cinema di periferia
che ne sai della nostra ferrovia, che ne sai.
Conosci me la mia lealtà
tu sai che oggi morirei per onestà.
Conosci me il nome mio
tu sola sai se è vero o no che credo in Dio.
Che ne sai tu di un campo di grano
poesia di un amore profano
la paura d'esser preso per mano, che ne sai
l'amore mio
che ne sai di un ragazzo perbene
è roccia ormai
che mostrava tutte quante le sue pene:
e sfida il tempo e sfida il vento e tu lo sai
la mia sincerità per rubare la sua verginità,
sì tu lo sai
che ne sai.
Davanti a me c'è un'altra vita
la nostra è già finita
e nuove notti e nuovi giorni
cara vai o torni con me.
Davanti a te ci sono io
dammi forza mio Dio
o un altro uomo
chiedo adesso perdono
e nuove notti e nuovi giorni
cara non odiarmi se puoi.
Conosci me
che ne sai di un viaggio in Inghilterra
quel che darei
che ne sai di un amore israelita
perché negli altri ritrovassi gli occhi miei
di due occhi sbarrati che mi han detto bugiardo è finita.
Che ne sai di un ragazzo che ti amava
che parlava e niente sapeva
eppur quel che diceva chissà perché chissà
si tu lo sai
adesso è verità.
Davanti a me c'è un'altra vita
la nostra è già finita
e nuove notti e nuovi giorni
cara vai o torni con me.
Davanti a te ci sono io
dammi forza mio Dio
o un altro uomo
chiedo adesso perdono
e nuove notti e nuovi giorni
cara non odiarmi se puoi.





.

Samstag, 17. Januar 2009

GIOIA :)



Mia figlia questi giorni, mentre allenavo mio figlio in lotta al suolo, viene da me e inizia questa conversazione:)

Gioia: Papá.....
Io: si?
Gioia: cosa é questo che é sempre nero con nuove foto?
Io: il mio blog
Gioa: cosa é un blog?
Io: conosci un diario no?
Gioia: si
Io: quasi la stessa cosa, con alcune differenze!
Gioia: c'é l'hai solo tu il blog?
Io: no, conosci la mamma di Paula e Diego no? Dagmar!
Gioia: si
Io: ecco tesoro, lei ha anche un blog.
Gioia: come il tuo papá?
Io: no
Gioia: e come allora?
Io: molto piú bello
Gioia: e ci sono anche i bambini li?
Io: si
Gioia: e ci sono foto anche mie nel tuo?
Io: non ancora.
Gioia: li metti?
Io: mmmmm
Gioia: bitteeeee!!!!! (tedesco per dire "per favore)
Io: ok
Gioia: anche tu?
Io: senti tesoro, le facciamo insieme le foto ok? Visto che c'e´Gaetano, ce li fá lui.
Gioia: Gaetano anche?
(sentendo questa domanda, mio figlio cambia viso lol)
Io: no tesoro, Gaetano deve fare le foto, no?
Gioia: hihihihi

Bene, ogni promessa va mantenuta. Cosi metto le foto della mia piccola :)


Gioia ha compiuto lo scorso novembre 6 anni, partecipa giá alla preparazione scolastica, per preparare i bambini alla routine giornaliera che porta con sé una scuola.
Lei é la piú piccola dei miei figli, ma energia pura! Ha preso modi di fare e temperamento dal fratello, mio figlio Gaetano, quasi quindicenne.
Mentre Cristina, la seconda dei miei figli, é tutta l'opposto sia dal fratello, che dalla sorellina. Calmissima, e molto molto docile.

Gioia non é cosi. È ben educata, ma ha un carattere un poco troppo furbetto :)
Adora la musica, la danza, i cartoni animati ovviamente, e la pasta in tutte le variazioni.

Adora la barra. Una sua caratteristica é la sua agilitá :)
In piú vuole sempre uscire, scoprire cose nuove.
Un grande dono del quale si meravigliarono giá tanti, é cantare. Canta per la sua etá molto bene, e non sbaglia un tono. Chissá, se non succede quello che di solitó capita col crescere, perdendo l'interesse, magari potrebbe essere un bel Hobby il suo.

In altre cose, spero non abbia preso da me :)





Bene, questa é lei, Gioia. E trovo che il nome le dona bene, non trovate? ;)






.

MARGHERITA

.







L'Italia, con tutti i difetti che ha, é, e rimane la nazione famosa per la sua altissima cultura, per la sua arte, per la quale ci invidiano altri paesi e tentano di imitarci senza mai raggiungerci. Famosa anche per la moda che dirigge l'attualitá di vestirsi nel mondo, e fá da misura per altri. Per il suo senso di Design, semplice ma geniale.
, Per la sua cucina, che é unica e sicuramente la piú amata nel mondo. E anche e sopratutto per la sua musica!
Con tutti i difetti che l'Italia ha, d'altra parte ha tanti pregi che mai nessuno ha potuto superare.
Molti tentativi di imitarci, ma mai raggiunte le charatteristiche o qualitá di avvicinarsi alla raffinatezza italiana.

Molti si fingono esperti, copiando idee, cercando di interpretare la nostra cultura, anche culinaria, o semplicemente volendo spiegare la caratteristica di un buon vino italiano (facile leggere da un etichetta la caratteristica ;). Ma alla fine il vero intenditore é quello che non si espone.

E la musica, si, la musica é unica! Sentimenti, emozioni, finezza, nel descrivere o accompagnare una melodia, questo non é di tutti!

Chiaro, adoro anche le musiche latine, musiche inglesi e cosi via. Ma nonostante anche il mio amore per un buon blues, ricado sempre alla musica nostrana. Perché alla fine da buon italiano, mi trasmette di piú, in varie situazioni.

È fuori discussione che la musica italiana, é riconosciuta come una delle piú belle in questo mondo.

E alcune canzoni sono rappresentative per questa reputazione.

Margherita, uno dei brani piú famosi di Ricardo Cocciante, é una di queste canzoni.

Difficile trovare parole in altri canzoni, che descrivono l'amore che puó avere un uomo per una donna, come nella canzone di Cocciante, con la sua Margherita. Farebbero invidia a qualsiasi poeta.

Ed é una di quelle canzoni che hanno girato il mondo, con un successo incredibile.
È stata cantata in diverse lingue, da Cocciante stesso.

A voi, Margherita!
Un classico della musica italiana di qualitá!!


Margherita - Ricardo Cocciante


io non posso stare fermo
con le mani nelle mani
tante cose devo fare
prima che venga domani
e se lei gia' sta' dormendo
io non posso riposare
faro' in modo che al risveglio
non mi possa piu' scordare
perche' questa lunga notte
non sia nera piu' del nero
fatti grande dolce luna
e riempi il cielo intero
e perche' quel suo sorriso
possa ritornare ancora
splendi sole domattina
come non hai fatto ancora
e per poi farle cantare
le canzoni che ha imparato
io le costruiro' un silenzio
che nessuno ha mai sentito
svegliero' tutti gli amanti
parlero' per ore ed ore
abbracciamoci piu' forte
perche' lei vuole l'amore
poi corriamo per le strade
e mettiamoci a ballare
perche' lei vuole la gioia
perche' lei odia il rancore
poi coi secchi di vernice
coloriamo tutti i muri
case, vicoli e palazzi,
perche' lei ama i colori
raccogliamo tutti i fiori
che puo' darci primavera
costruiamole una culla
per amarci quando e' sera
poi saliamo su' nel cielo
e prendiamole una stella
perche' margherita e' buona,
perche' margherita e' bella
perche' margherita e' dolce,
perche' margherita e' vera
perche' margherita ama
e lo fa' una notte intera
perche' margherita e' un sogno
perche' margherita e' il sale
perche' margherita e' il vento
e non sa' che puo' far male
perche' margherita e' tutto
ed e' lei la mia pazzia
margherita, e' margherita
margherita adesso e' mia
margherita, e' margherita
margherita e' mia...






A qualcuno disturberanno queste mie affermazioni forse. Ma chi se ne frega..... ;)





.

Freitag, 16. Januar 2009

people are people

.







Hanno contribuito alla musica elettronica, giá negli anni ottanta. Il brano PEOPLE ARE PEOPLE a parte la musica per quei tempi nuova, ha un testo interessante. Non impegnativo, ma il messaggio é sempre attuale.
Depeche Mode, versione lunga 7 minuti. Buon ascolto, e riflessione ..... :)


People are people so why should it be
You and I should get along so awfully

People are people so why should it be
You and I should get along so awfully

So we're different colours
And we're different creeds
And different people have different needs
It's obvious you hate me
Though I've done nothing wrong
I never even met you
So what could I have done

I can't understand
What makes a man
Hate another man
Help me understand

People are people so why should it be
You and I should get along so awfully

People are people so why should it be
You and I should get along so awfully

Help me understand

Help me understand

Now you're punching and you're kicking
And you're shouting at me
I'm relying on your common decency
So far it hasn't surfaced
But I'm sure it exists
It just takes a while to travel
From your head to your fist

I can't understand
What makes a man
Hate another man

People are people so why should it be
You and I should get along so awfully

People are people so why should it be
You and I should get along so awfully

I can't understand
What makes a man
Hate another man

I can't understand
What makes a man
Hate another man

Help me understand

I can't understand
What makes a man
Hate another man

I can't understand
What makes a man
Hate another man

Help me understand



PEOPLE ARE PEOPLE (long version) - DEPECHE MODE








.

RATTI EROI - A MOZAMBICO SONO BENVENUTI, E NON SOLO LI.......

.










Avete mai sentito parlare dei ratti eroi? I cosidetti HeroRats?

I Ratti a molte persone creano brividi. Bart Weetjens invece li adora!
Bart Weetjens é un product-designer dal Belgio, che ha sviluppato un metodo per risolvere un problema grandissimo. Si parla di mine!Bart Weetjens con uno dei suoi Ratti



In 69 terre, ci sono ancora circa 60 milioni di mine semisepolti a terra. Che ancora devono essere trovati per poterli neutralizzare.
una donna, vittima delle mine, aspetta in ospedale la sua protesi




Di solito si usano cani per risolvere. Invece Weetjens preferisce usare Ratti.
Ratti sono leggeri di peso, si adeguano subito, si moltiplicano, e creano meno costi.

Verso fine degli anni novanta, Weetjens allenó per la prima volta un Ratto gigante proveniente dal Gambia, tramite il metodo Pawloschen.
Lui premiava i Ratti sempre quando questi animali indicavano odore di TNT, e lo indicavano grattando la terra dove si trovava l'esplosivo.


Grazie a piú di 30 di questi Ratti istruiti, si é liberato dalle mine, un territorio di 600000 metri quadri a Mozambico.


Ma il fiuto sensibilissimo dei Ratti sá fare di piú, come spiega Weetjens. Possono intercettare annusando saliva umana, se nel corpo dell'ammalato c'è Tubercolose. E secondo un nuovo progetto, possono anche trovare sopravissuti sotto le macerie di un terremoto, e salvare cosi vite umane.

Questi Ratti cosi sono tutt'altro che da paura.

Il sito dei HeroRats é: http://www.herorat.org/

Sul sito si ha la possibilitá di adottare un Ratto con 5$ al mese, e contribuire cosi alla sua istruzione per salvare vite umane :)





.

Mittwoch, 14. Januar 2009

PORTATEMI DIO - (BRING ME GOD)

.








Dio, un termine composto da tre sillabe.
Tre sillabe che sono stati, e continuano ad essere spiritualmente rappresentative per il mondo. Senza importanza di nazione, o tipo di religione.
Alcuni ci credono, altri no. E c'e´ chi lo cerca in diverse culture. Magari per simpatia o curiositá di culture diverse, cercando risposte li.
E a volte lo trova anche, non accorgendosi che quella ruota era stata giá inventata. :)
Altri ne fanno Theorie uniche.

E ci sono anche quelli che interpretano la parola DIO con D-IO, sentendosi infatti come una divinitá, e tutto attorno a loro gira solo per loro :)
(mio Dio quanto ho riso stamattina leggendo delle eiaculazioni mentali.... :)


La classica domanda, o rabbia,o sfogo che si é giá fatta ognuno di noi credo, é proprio quella su Dio.
Magari in momenti di rabbia, delusioni, o cattivo stato d'animo,
Implorano Dio quando si hanno desideri di cambiamenti, di miglioramenti.
Ma anche dandogli la colpa quando le cose non vanno come si desiderano.
(io il lavoro di Dio non vorrei mai averlo) ;-)

Ecco, quel momento che abbiamo giá tutti avuto, quel momento Vasco lo immortaló in una canzone negli anni ottanta. Tipico stile suo di quei anni.

Chiaro che questa canzone non fece molto piacere alla chiesa cattolica ;-)
In quei anni dicevamo per definire questa canzone scherzando:
THE POPE IS NOT AMUSED :)



Portatemi Dio - Vasco Rossi


Metteteci Dio
sul banco degli imputati
metteteci Dio
e giudicate anche lui... con noi
e difendetelo voi... voi
"buoni cristiani"!

Portatemi Dio
lo voglio vedere
portatemi Dio
gli devo parlare
gli voglio raccontare
di una vita che ho vissuto
e che non ho capito
a cosa è servito
che cos'è cambiato
anzi
e adesso cosa ho guadagnato
adesso voglio esser pagato!!!

Portatemi Dio!




Ah, se credo io in Dio? Boh.... indovinate voi :)






.

Dienstag, 13. Januar 2009

BARRA A MURO,...... E TRAINING :)







Ieri sapendo che il mio maestro ha comprato un immobile nuovo, dove trasferirá la sua accademia di arti marziali, lo raggiunsi verso le ore 16.00, nella sua vecchia accademia al centro di acquisti di Colonia.
Iniziammo cosi a lavorare, e chiacchierare del piú e del meno durante il lavoro.
Non avevo certo intenzioni ieri di partecipare al training che iniziava alle ore 18.00 con combattimento di bastoni, e poi alle ore 19.00 il training di autodifesa. Non avevo portato con me la mia roba come scarpe, pantaloni, canotta e guantini, appunto perché andai li per aiutarlo, e non per allenarmi.

Bene, arrivando un l'allenatore, il quale avevo istruito un paio di anni fá, e gli altri allievi, mi salutarono e mi fecero mille domande, perché non mi avevano visto giá da molto tempo.
L'allenatore mi confidó che era molto duro, allenare a volte oltre 50 persone, perché anche stressante.
Immaginatevi che un allenatore del nostro stile, deve correre da coppia a coppia, per dimostrare e correggere. Non facile.
Ma io questo l'ho fatto per anni. Cosi, anche se non chiesto diretto, mi fece capire se potevo aiutarlo un poco.
Con il consenso del mio maestro, dicendomi: "fai pure Salva, qui é come casa tua, e cosi impareranno il tuo modo di allenarti :) ".

Ok, iniziai a correggere posizioni, guardie, colpi, reazioni e cosi via, con il bastone di bambus, che si usa per questa disciplina filippina.
Poi passando agli esercizi senza armi, corressi alcune tattiche, spiegando a loro come velocizzare i movimenti con il minimo sforzo, aggiungendo questa spiegazione: "immaginatevi di essere una donna piccola, magra e indifesa. Immaginatevi di essere in panico e di avere fretta. E considerate che fú proprio una donna circa 300 anni fá a sviluppare questo tipo di combattimento".
Dopo queste parole naturlamente dimostrai come fare.

Alla fine il training finale, lo lasciai per continuare a lavorare con il mio maestro, impaccetando roba per il traslogo.
E anche li, nonostante lavoravo, venne un allievo chiedendomi se gli esercizi che stava facendo con dei pesi, erano corretti. Risposi che io non uso pesi, ma preferisco usare il peso del mio corpo, o arrampicandomi su una barra a muro. Dimostrando a lui vari esercizi.
Spiegai a lui, che i pesi accorciano la muscolatura, perche si tratta di movimenti statici, non naturali.
Diverso invece con esercizi come quelli sulla barra, perche si allenano diversi parti del corpo.

Infatti: la barra a muro é sempre stata un modo eccellente per allenarmi.
La barra mira non sull'estetica tipo bodybuilding, ma usata bene, sviluppa una forza naturale, un corpo atletico, e funzionale per il combattimento.

Un attrezzo cosi c'e´ lho a casa. Costato pochissimo, solo 20 euro tramite internet. Con otto bulloni di acciaio, che supportano un peso massimo di 350 kg.
Contiene diversi manici, e spazi per variazioni di esercizi.

Io la consiglio a chiunque voglia tonificare il corpo in modo naturale, e fá anche molto bene alla schiena.

Io per ogni esercizio di questi riportati qui sotto, uso fare 15 ripetizioni. A volte di piú, a volte di meno. Dipende :)



Qui sotto alcuni esempi di esercizi:

Inizio sempre con un braccio, usando il secondo come supporto del primo. In questo esercizio, la barra non la imputno con tutte le dita, ma solo con le quattro principali, per allenare anche la forza delle dita. A principianti consiglio di impugnarla invece bene.


Il movimento é quello di scendere e salire, il corpo scendendo lo inclino per dare piú peso da tirare su.


Poi con due braccia stretti all'interno, muovendo la nuca quando vado giú, portandola in avanti quando risalgo sú.


le gambe sono leggermente in avanti, punta dei piadi in sú


Stesso esercizio con gambe incrociato verso andando verso giú....


....per portarli in avanti risalendo sú .


Qui inizia la posizione laterale....


muovendo verso destra, e poi verso sinistra.


Gli ultimi sono i corti. Qui si va in sú, assumendo un inclinazione del corpo come un riccio.


destra e sinistra ovviamente.


Questo esercizio ci permette di abituare al corpo capacitá di forza funzionale....


...ad esempio durante un combattimento a corta distanza come il clinch, e come la lotta di suolo.


Ci sará adesso chi dirá: "non sono capace di farlo."
Io dico che invece tutti sono capaci. Magari all'inizio forse non si fanno 10 ripetizioni. Ma giá se si riesce a sollevarsi una volta sola, giá questo indica che si é sulla strada giusta. Con il tempo se ne fanno sempre di piú, e sempre piú facile, perché il corpo ci si abitua.

Inutile aggiungere, che prima di fare questi esercizi, il corpo vá riscaldato bene. (non con il vino o con grappa ;)

Tutti gli esercizi sulla barra vanno fatte lentamente, e con concentrazione. Non fatevi mai cadere. Quando non ce la fate piú, scendete lentamente. Riposatevi, e continuate prima che il vostro corpo si raffredda.





.